Processo “Medioevo”: Il Comune di Vieste si costituisce parte civile

Otto persone vennero arrestate il 13 aprile. Nel corso dell'udienza preliminare si sono costituite parti civili anche l'Associazione Antiracket e la Federazione Italiana associazioni Antiracket

Processo Medioevo

Il 18 ottobre 2011, presso il Tribunale di Bari, si è svolta l’udienza preliminare del processo “Medioevo”, nei confronti di sette indagati appartenenti accusati, a vario titolo, di estorsione, detenzione e produzione di sostanze stupefacenti e ricettazione con l’aggravante del metodo mafioso.

Gli indagati, tra i quali figura anche il boss Angelo Notarangelo, erano stati tratti in arresto lo scorso 13 aprile dai Carabinieri della Compagnia di Vico del Gargano, coordinati dal Sostituto Procuratore Dott. Gatti Giuseppe, della Direzione Distrettuale Antimafia di Bari.

Nel corso dell’udienza si sono costituiti parti civili oltre alle vittime, anche il Comune di Vieste, l’Associazione Antiracket di Vieste, nonché la Federazione Italiana delle Associazioni Antiracket ed il Ministero degli Interni.

In Evidenza

Potrebbe interessarti

I più letti della settimana

  • Genitori furiosi con Emiliano, che li invita a non mandare i figli a scuola : "La Puglia non è una regione per bambini"

  • La scuola anti-covid di Emiliano tra ordinanze e appelli social. La contestazione: "Il 18 si torni in classe in sicurezza"

  • La Puglia torna in zona arancione. Conte firma il nuovo Dpcm: restrizioni fino al 5 marzo, riecco la scuola in presenza

  • Coronavirus: 1162 nuovi positivi in Puglia e 24 morti. In Capitanata 150 casi e sei vittime

  • San Marco e Rignano sotto choc: addio a Matteo Longo, carabiniere esemplare e dall'animo buono

  • "Esco con gli amici" ma non fa più ritorno. Scomparso a 16 anni ma c'è chi tace per paura: "Noi non dimentichiamo"

Torna su
FoggiaToday è in caricamento