menu camera rotate-device rotate-mobile facebook telegram twitter whatsapp apple googleplay
Dalle telecamere nascoste

Dalle telecamere nascoste

Asilo degli orrori, maestre in aula per l'udienza preliminare: "Il ministro Azzolina prenda provvedimenti disciplinari"

L'avvocato Michele Sodrio: "Ci batteremo per il rinvio a giudizio e chiederò al giudice l’autorizzazione a chiamare in causa, come responsabile civile, anche il ministero della pubblica istruzione, che è responsabile insieme alle imputate per tutti i danni psicologici provocati alle bambine e ai bambini"

E’ stata fissata per il prossimo 27 gennaio, l’udienza preliminare del processo a carico delle quattro maestre dell’asilo comunale di Carapelle, accusate di una lunga serie  (557 episodi accertati) di presunti maltrattamenti ai danni dei loro piccoli alunni, tutti di età compresa tra i 3 ed i 5 anni.

Si tratta di una vicenda emersa grazie alle indagini avviate dai carabinieri di Carapelle e del comando provinciale di Foggia, che riuscirono a piazzare delle telecamere con microfoni nascosti, con i quali furono registrate una lunga serie di condotte violente da parte delle quattro imputate, nel periodo compreso tra ottobre 2018 e aprile 2019.

Nel febbraio di quest’anno le maestre furono sospese dal servizio con ordinanza del gip di Foggia, su richiesta del pubblico ministero, ma poi sono tornate al loro lavoro e una finanche nello stesso asilo di Carapelle, causando una specie di rivolta da parte di alcuni genitori, preoccupati per la sorte dei loro bambini. Al momento, tutte le imputate sarebbero tornate in servizio presso altri asili pubblici, non essendo stati presi nei loro confronti altri provvedimenti disciplinari.

“Siamo soddisfatti per il passo in avanti nel processo contro queste maestre", spiega l'avvocato Michele Sodrio (nella foto in basso), difensore delle famiglie di alcuni dei bambini coinvolti, che proprio sulle pagine di FoggiaToday aveva lanciato un appello per sollecitare i tempi della giustizia. "Posso dire fin da ora che all’udienza preliminare ci costituiremo parte civile contro tutte loro e chiederò al giudice l’autorizzazione a chiamare in causa come responsabile civile anche il ministero della pubblica istruzione, che è responsabile insieme alle imputate per tutti i danni psicologici provocati alle bambine e ai bambini".

"E nel caso di rinvio a giudizio, cosa per la quale ci batteremo, mi attiverò immediatamente affinché anche al ministero si diano una svegliata, perché non possono consentire a persone totalmente inadatte di continuare a svolgere la delicatissima funzione di maestre in un qualsiasi asilo nido. Per evitare che altri bambini e altri genitori subiscano quello che hanno subito i miei clienti, chiederemo con forza al ministro Lucia Azzolina di prendere dei provvedimenti disciplinari, cosa incredibilmente mai avvenuta fino ad oggi”.

l'avvocato michele sodrio-2

In Evidenza
Ultime di Oggi
Potrebbe interessarti
In primo piano
Torna su

Canali

FoggiaToday è in caricamento