Si fingono letturisti Amgas, ma sono ladri o truffatori: le raccomandazioni ai foggiani

Il contribuente deve pretendere sempre l'esibizione del tesserino Amgas di riconoscimento: tutti i dipendenti ne possiedono uno identificativo, plastificato con logo aziendale, foto e dati di riconoscimento

Immagine di repertorio

Ci sono truffatori che si spacciano per dipendenti di Amgas e con la scusa di effettuare la lettura dei contatori, raggirano i cittadini e spesso li derubano. Il presidente Fontana, venuto a conoscenza del caso mette in guardia i foggiani dalla presenza di individui che camuffandosi per dipendenti dell'azienda di viale Manfredi e/o personale del Comune, bussano alle porte per entrare nelle abitazioni dei cittadini per effettuare fittizi controlli e rilievi ai contatori del gas: "Desidero sin da subito precisare, con assoluta fermezza, che l'Amgas invia propri funzionari presso le abitazioni solo previa comunicazione scritta che viene affissa nei condomini con alcuni giorni d’anticipo. Invito, pertanto, i foggiani a diffidare di qualsiasi persona che dichiari di essere un incaricato/dipendente Amgas per la lettura di consumi dei contatori".

Il presidente Pier Luca Fontana precisa che non ci sono propri incaricati o dipendenti autorizzati a recarsi a casa dei clienti per visionare le bollette di gas e soprattutto richiedere il pagamento di somme di denaro in contanti. “A nome di tutta l’azienda raccomando la massima prudenza nei confronti di coloro che si presentano presso le vostre abitazioni e ci scusiamo nel contempo per i possibili disagi arrecati a tutti i cittadini”.

Devi disattivare ad-block per riprodurre il video.
Play
Replay
Play Replay Pausa
Disattiva audio Disattiva audio Disattiva audio Attiva audio
Indietro di 10 secondi
Avanti di 10 secondi
Spot
Attiva schermo intero Disattiva schermo intero
Skip
Il video non può essere riprodotto: riprova più tardi.
Attendi solo un istante...
Forse potrebbe interessarti...

Nell'occasione Amgas Spa ha fornito alcune raccomandazioni per evitare di essere ingannati da sconosciuti e cadere nella rete di abili truffatori. Il contribuente deve pretendere sempre l'esibizione del tesserino Amgas di riconoscimento: tutti i dipendenti ne possiedono uno identificativo, plastificato con logo aziendale, foto e dati di riconoscimento. Inoltre i letturisti Amgas sono forniti di apposita divisa: una pettorina gialla riportante, anch'essa e ben in evidenza, il logo aziendale. Per fugare ogni dubbio è opportuno precisare che il personale Amgas anticipa la propria visita 36/48 prima della data di intervento. I letturisti si recano, infatti, presso i civici da visionare ed espongono nelle apposite bacheche condominiali un “avviso di lettura”, dove sono riportati data e orari. Qualora si nutrissero dubbi sulla veridicità degli operatori, il contribuente  è tenuto a chiedere le generalità.

In Evidenza

Potrebbe interessarti

I più letti della settimana

  • Blitz antimafia a Foggia. Smantellato traffico di droga: 16 arresti, tra cui uomini della 'Società'

  • Coronavirus, l'avanzata dei contagi preoccupa la Puglia: "Si deve uscire solo per lavorare, istruirsi o altre gravi necessità"

  • Ecco la bozza del nuovo Dpcm: bar e ristoranti chiusi alle 18. Stop a palestre e piscine

  • Smantellata organizzazione mafiosa: 48 arresti nel blitz 'Gran Carro', misure cautelari anche in provincia di Foggia

  • La 'Società Foggiana' messa spalle al muro: 16 arresti. Duro colpo al narcotraffico della rete criminale del 'Primitivo'

  • Coronavirus, altri 13 morti in Puglia: i nuovi contagi sono 772

Torna su
Devi disattivare ad-block per riprodurre il video.
Play
Replay
Play Replay Pausa
Disattiva audio Disattiva audio Disattiva audio Attiva audio
Indietro di 10 secondi
Avanti di 10 secondi
Spot
Attiva schermo intero Disattiva schermo intero
Skip
Il video non può essere riprodotto: riprova più tardi.
Attendi solo un istante...
Forse potrebbe interessarti...
FoggiaToday è in caricamento