Biccari, indebite erogazioni pubbliche: scoperta truffa aggravata

Il NIPAF e il Corpo Forestale di Biccari hanno portato a termine un'operazione nel settore delle erogazioni pubbliche. Ci sarebbe stata anche la complicità di chi avrebbe dovuto vigilare sulla corretta esecuzione dei lavori

Il Corpo Forestale di Biccari insieme al N.I.PA.F. di Foggia ha smascherato una vera e propria truffa aggravata finalizzata al conseguimento di erogazioni pubbliche nel settore delle lavorazioni boschive.

Attraverso documentazione ideologicamente falsa e ottenuta con la complicità di chi avrebbe dovuto vigilare sull’esecuzione dei lavori di sistemazione del bosco comunale in località Orto di zolfo, la cooperativa incaricata dei lavori di sistemazione e diradamento dell’area boschiva, avrebbe ottenuto indebitamente la liquidazione di somme pubbliche per un importo pari a circa 62mila euro.

Su 85mila euro certificati, il Nucleo Investigativo di Polizia Ambientale e Forestale ha accertato che i lavori realmente eseguiti non superavano i 22mila euro. Inoltre le comunicazioni di ultimazione dei lavori e dello sgombero del materiale legnoso, sono state indirizzate solo a determinati Enti, ma non al Corpo Forestale dello Stato, unico soggetto legittimamente deputato ai controlli in questione.

La cooperativa avrebbe arrecato un danno anche all’Ente provincia. La Procura di Lucera ha emesso determinate misure cautelari, tra le quali il divieto temporaneo di esercitare le attività inerenti la qualifica di dottore agronomo e forestale in capo al direttore dei lavori e il divieto temporaneo di esercitare l’attività imprenditoriale in capo all’amministratore unico della società.

Potrebbe interessarti

I più letti della settimana

  • Strage a Orta Nova, triplice omicidio e suicidio: spara e uccide moglie e due figlie di 13 e 18 anni, poi si toglie la vita

  • Mazzi di fiori, lacrime e dolore per Teresa, Miriana e Valentina (il Comune penserà ai funerali): città incredula per l'insano gesto di Ciro

  • Incredibile al carcere di Foggia, detenuto telefona ai carabinieri dalla cella: "Siamo al ridicolo"

  • Carabinieri setacciano l'area "internazionale" del Santuario di San Pio: scattano arresti e denunce

  • Bus frena per evitare auto, donna cade e muore: due persone a giudizio per omicidio stradale

  • "Addio Costanzo", il dirigente medico del Pronto Soccorso sempre al servizio dei pazienti: "Era un professionista esemplare"

Torna su
FoggiaToday è in caricamento