San Severo, truffa la Asl con falsi pagamenti: funzionario arrestato

Un funzionario della Asl è stato arrestato per frode nei confronti del servizio sanitario attraverso falsi mandati di pagamento. Con lui in arresto anche un'imprenditrice

Azienda Sanitaria Locale

Un funzionario della Asl di San Severo è finito in manette per frode nei confronti del servizio sanitario attraverso falsi mandati di pagamento. La truffa è stata scoperta nei giorni scorsi dai finanzieri della compagnia di San Severo. Implicata nella vicenda anche un'imprenditrice, anche lei arrestata.

I due sono accusati di aver riproposto fatture già liquidate, cambiando i dati di riferimento, e di aver falsificato sia le fatture relative alle operazioni compiute sia i resoconti delle prestazioni erogate, in modo da indurre la Asl al pagamento di importi superiori a quanto dovuto. Oltre ai due provvedimenti restrittivi, sono stati sequestrati due conti correnti della cooperativa della quale la donna è presidente, per 43.436 euro, pari all'ammontare della frode.

Le indagini, svolte dai militari delle Fiamme gialle del comando provinciale di Foggia e coordinate dal pm, sono state avviate agli inizi del 2009, dopo che vi era stata, da parte di un impiegato della stessa Asl, una segnalazione alla Procura della Repubblica.

Potrebbe interessarti

  • Come allontanare api, vespe e calabroni: alcuni rimedi naturali

  • Gli usi del bicarbonato di sodio che ancora non conosci

  • Come proteggere la casa dai ladri in estate

  • Le app beauty da avere sullo smartphone

I più letti della settimana

  • Tragedia sulla Statale 16, terribile scontro tra Lesina e San Severo: un morto e un 24enne trasportato in ospedale

  • Voleva togliersi la vita, Roberta lo ha salvato e poi il blackout: così Francesco l'ha uccisa a mani nude

  • Ultim'ora | Vento forte, grandine e fulmini sul Gargano: il maltempo minaccia l'estate in Capitanata

  • San Severo sotto shock piange Roberta Perillo: "È in un altro mondo, dove esiste amore autentico"

  • Ultim'ora | Omicidio a San Severo, giallo in via Rodi: uccisa una donna

  • "Non l'ho uccisa perché voleva lasciarmi", ma Roberta non c'è più. La denuncia sui social: "Le amiche sapevano, nessuno l'ha ascoltata"

Torna su
FoggiaToday è in caricamento