Devi disattivare ad-block per riprodurre il video.
Play
Replay
Play Replay Pausa
Disattiva audio Disattiva audio Disattiva audio Attiva audio
Indietro di 10 secondi
Avanti di 10 secondi
Spot
Attiva schermo intero Disattiva schermo intero
Skip
Il video non può essere riprodotto: riprova più tardi.
Attendi solo un istante...
Forse potrebbe interessarti...

"Io truffato dallo stesso agente immobiliare". Altri 1100 euro spariti e nessuna casa: così Abel è costretto a dormire in stazione

Ancora una truffa ai danni di un immigrato, sempre la stessa agenzia immobiliare e ancora 1100€ incassati senza aver fornito nulla.

Dopo il caso di Clement sollevato nei giorni scorsi su queste colonne attraverso la denuncia dell'avvocato Giovanni Marseglia, un altro straniero ha denunciato di essere vittima di una truffa ad opera dello stesso agente immobiliare. 

Stessa agenzia, stesso modus operandi. Questa volta la vittima è Abel, nigeriano 26enne costretto a chiedere l'elemosina ai semafori per guadagnarsi da vivere. Nell'ottobre 2019 aveva cercato un piccolo appartamento insieme a sua sorella.

L'agente immobiliare alla quale si è rivolto gli avrebbe riferito di avere disponibilità di una casa per le sue esigenze ma per bloccare l'affare era necessario un deposito di 300 euro.

Dopo lunghe attese, alibi e scuse, l'immobiliare ha chiesto ulteriori acconti fino a raggiungere la cifra di 1100 euro. Abel, distanza di un anno e mezzo dalla richiesta, non ha una casa e per questo è costretto a vivere in stazione.

Questa mattina, accompagnato dall'avvocato Giovanni Marseglia, ha sporto querela a carico dell'agente immobiliare per truffa e appropriazione indebita. 

Nei giorni scorsi la Federazione Italia Agenti Immobiliari si era già dissociata dal comportamento del collega, che danneggia l'intera categoria (leggi qui). 

Si parla di
Sullo stesso argomento

Video popolari

"Io truffato dallo stesso agente immobiliare". Altri 1100 euro spariti e nessuna casa: così Abel è costretto a dormire in stazione

FoggiaToday è in caricamento