menu camera rotate-device rotate-mobile facebook telegram twitter whatsapp apple googleplay
Immagine di repertorio

Immagine di repertorio

Truffavano negozio per entrare in possesso di telefonini: presi quelli dalle mille identità

Tre napoletani sono stati denunciati in concorso per truffa, sostituzione di persona, indebito utilizzo di carte di credito, uso di documenti falsi e falsità in scrittura privata, nei confronti al 3Store di Manfredonia

Un giorno si chiamavano Fabio, l’altro Antonio o Francesco. E poi ancora anche Zaffiri Maurizio di Latina. Nomi falsi, di sportivi di varie discipline, usati in abbinamento ad altrettanti documenti falsi per poter attivare pacchetti promozionali a nome ed in danno di ignare vittime, venendo in possesso di telefonini di ingente valore presso punti vendita del gestore di telefonia H3G (venduti poi sul mercato nero campano) e mettere in atto le loro truffe.

Ma il gioco degli uomini dalle mille identità è stato smascherato ieri dagli uomini della Squadra di Polizia Giudiziaria del commissariato di e della Sezione Navale della Guardia di Finanza di Manfredonia, che li hanno denunciati in concorso per truffa, sostituzione di persona, indebito utilizzo di carte di credito, uso di documenti falsi e falsità in scrittura privata, nell’occasione sottoponendo a sequestro documenti di riconoscimento ritenuti falsi e di varia documentazione pertinente alle indagini.

Recentemente il gestore del 3Store di corso Manfredi contattava personale della Polizia e delle Fiamme Gialle per segnalare operazioni di attivazione presso la sua attività commerciale ad opera di diversi personaggi di origine campana che avevano attivato pacchetti promozionali, di circa ottocento euro cadauno e comprensivi di telefoni cellulari di ingente valore.

Il personale operante effettuava servizi di appostamento ipotizzando che i componenti della banda potessero recarsi nuovamente in negozio per ulteriori attivazioni fraudolenti: in particolare, agenti in borghese - nella prima serata di sabato scorso - notavano entrare nel negozio un ragazzo con accento napoletano che, rivolgendosi alla commessa, richiedeva l’attivazione di un pacchetto promozionale. Immediatamente il personale operante interveniva e bloccava il malfattore avente ancora in mano fotocopia di carta di identità e tessera sanitaria intestate ad un’ignara persona di Napoli.

Dopo aver fermato il giovane, gli agenti bloccavano altri due suoi complici che lo aspettavano a bordo di un’autovettura parcheggiata in piazza Marconi, al cui interno i due, già pregiudicati per reati analoghi, detenevano, oltre ad ulteriore documentazione falsificata, anche sostanza stupefacente del tipo hashish che asserivano di aver acquistato presso la stazione ferroviaria di Napoli per farne uso personale, per cui gli veniva contestata anche la sanzione amministrativa di cui all’art. 75 dpr 309/90 con contestuale sequestro della droga.

Si appurava che, nel corso dell’ultimo mese, le attivazioni presso il negozio erano state ben tredici e quasi tutte a nome di personaggi sportivi, sia di sesso maschile che femminile e che per ogni attivazione era stato consegnato un telefonino della Apple modello I Phone 5S.

Il fermato presso il negozio ed i suoi due “soci”, compiutamente identificati con i loro veri documenti e sottoposti a rilievi foto dattiloscopici presso il gabinetto di Polizia Scientifica, venivano riconosciuti anche in sede di individuazione fotografica per i soggetti che nel corso degli ultimi giorni si erano portati presso l’attività commerciale per le illecite attivazioni.

Anche l’autovettura utilizzata dai malfattori risultava priva di copertura assicurativa, essendo risultati il contrassegno ed il certificato di assicurazione contraffatti, per cui il conducente veniva indagato in stato di libertà anche per altri reati. Sono in corso indagini volte ad appurare il coinvolgimento dei tre soggetti in altri analoghi episodi, poiché alcuni elementi inducano a ritenere che si sia al cospetto di una vera e propria associazione a delinquere operante in più zone del territorio nazionale.

Uno dei soggetti era ricercato per fatti della medesima specie da un ufficio di polizia siciliano. Nel corso delle attivazioni, erano diverse telefonate al 3Store da utenze della Campania da parte di complici incaricati dell’invio delle documentazioni via fax. Non potendosi escludere che anche altre catene di negozi possano essere stati prese di mira dai truffatori, in possesso di numerosi documenti di riconoscimento falsi, si invita quindi chiunque fosse stato vittima di simili raggiri, a portarsi presso le Forze dell’Ordine e denunciare l’accaduto.

Argomenti
Condividi
In Evidenza
Attualità

L'impianto di compostaggio di San Severo si farà: ha vinto Saitef, il Consiglio di Stato certifica il 'pasticcio' del Comune

Ultime di Oggi
Potrebbe interessarti
In primo piano
Torna su

Canali

FoggiaToday è in caricamento