Omicidio De Rosa: ascoltate persone vicine alla vittima, eseguiti stub e ritrovata una pistola. Migliora il ferito

Luigi Muriglio non dovrebbe essere in pericolo di vita. I carabinieri indagano sull'omicidio avvenuto ieri a Trinitapoli.

De rosa e il luogo dell'omicidio

Sarebbe fuori pericolo Luigi Muriglio, il 49enne rimasto ferito nell'agguato avvenuto ieri a Trinitapoli tra via Liburni e via Aia, in cui è stato ucciso Pietro De Rosa, 41 anni, sorvegliato speciale e ritenuto dagli inquirenti al vertice del gruppo criminale locale Miccoli-De Rosa.

Chi era Pietro De Rosa

Nella notte i carabinieri del comando provinciale di Foggia hanno ascoltato alcune persone ritenute vicine alla vittima ed effettuato degli esami dello stub a pregiudicati della zona. Sul luogo dell'agguato è stata recuperata una decina tra bossoli calibro 9x21 e cartucce calibro 12.

Come riporta l'Ansa, sul luogo dell'omicidio sarebbe stata ritrovata anche una pistola calibro 9x21, che potrebbe trattarsi di una delle armi utilizzate dai sicari o della pistola di una delle due vittime. 

Al moneto dell'agguato Pietro De Rosa era in macchina con Muriglio, avrebbe tentato la fuga ma i killer, forse due a bordo di una Renault Clio, lo hanno raggiunto e freddato con un colpo alla testa.

In Evidenza

Potrebbe interessarti

I più letti della settimana

  • Sangue nel cuore della movida, colpita con i vetri di una bottiglia e sfregiata a vita: arrestata ragazza di 20 anni

  • Coronavirus: la Puglia resta in zona arancione

  • Sua moglie è positiva, lui è in isolamento ma va ugualmente a lavorare: segnalato al 112 e multato dai carabinieri

  • San Marco in Lamis sotto choc, comunità in lutto per Domenico: "Questo maledetto virus gli ha tolto la vita"

  • Grave episodio in zona via Lucera: auto imbrattata con frasi, disegni volgari e sigle contro la polizia

  • Coronavirus: oggi 32 morti in Puglia e 397 nuovi casi in provincia di Foggia

Torna su
FoggiaToday è in caricamento