Fiamme a ridosso della villa comunale di Torremaggiore: "Atto criminale, a rischio la sicurezza di tante persone"

Il pronto intervento ha scongiurato guai peggiori. Il luogo di aggregazione è stato riaperto al pubblico venerdì 7 luglio dopo 5 anni di chiusura

Nota - Questo comunicato è stato pubblicato integralmente come contributo esterno. Questo contenuto non è pertanto un articolo prodotto dalla redazione di FoggiaToday

Un incendio di natura dolosa si è sviluppato ieri sera a ridosso del belvedere della Villa Comunale di Torremaggiore. “Solo grazie al nostro pronto intervento e al modulo antincendio del Comune si sono evitati danni ben peggiori, nonostante il vento di scirocco che alimentava le fiamme e l’impossibilità da parte dei Vigili del Fuoco di intervenire poiché impegnati a spegnere altri roghi sul Gargano – commenta il Sindaco torremaggiorese Pasquale Monteleone che non esita a definire quanto accaduto - un atto criminale che ha messo a repentaglio la sicurezza delle tante persone che finalmente affollano la Villa dopo cinque anni di chiusura e per la quale questa Amministrazione ha lavorato duramente per completare i lavori di ristrutturazione e riaprirla alla città.

La Villa è un bene di tutti e tutti sono chiamati a custodirla, amarla e proteggerla come se fosse la propria casa”, conclude il primo cittadino. “Non più tardi di un mese fa e proprio per implementare la prevenzione in tema di incendi dolosi e la sicurezza sul nostro territorio, abbiamo stipulato la convenzione con l’associazione nazionale Vigili del Fuoco in congedo e rinnovato quella con l’associazione nazionale Carabinieri – spiega il vicesindaco Antonio Di Cesare – grazie alle quali abbiamo già avuto modo, lavorando in piena sinergia, di intervenire per scongiurare pericoli derivanti da incendi sul territorio torremaggiorese e per garantire la sicurezza dei nostri concittadini sia in caso di eventi e manifestazioni che in luoghi ad alta aggregazione come la nostra Villa Comunale. Il grave episodio accaduto ieri sera ci fa alzare ulteriormente la guardia e non ci farà certo trovare impreparati nell’intensificare le attività di controllo”, conclude.

Torna su
FoggiaToday è in caricamento