Test di Medicina a Foggia, Volpe: “Non c'è stata alcuna irregolarità”

Gli 847 partecipanti, in gran parte pugliesi e molisani, sono stati disposti in sette sale e sottoposti a rigidi controlli durante le varie fasi di identificazione e assegnazione del posto

Giuliano Volpe

Le prove selettive per accedere ai corsi a numero programmato del Dipartimento di Scienze Mediche e Chirurgiche e del Dipartimento di Medicina Clinica e Sperimentale dell'Università degli Studi di Foggia si sono concluse senza alcuna irregolarità.

Ai test di ammissione al Corso di Laurea Magistrale in Medicina e Chirurgia e al Corso di Laurea Magistrale in Odontoiatria e Protesi hanno partecipato 847 studenti (938 le domande pervenute).

75 posti sono riservati ai cittadini comunitari e non comunitari regolarmente soggiornanti in Italia e 5 posti riservati a cittadini non comunitari residenti all'estero per il Corso di Laurea Magistrale in Medicina e Chirurgia.

I posti disponibili per il Corso di Laurea Magistrale in Odontoiatria e Protesi Dentaria sono 25 per i cittadini comunitari e non comunitari regolarmente soggiornanti in Italia e 2 posti per i cittadini non comunitari residenti all'estero.

Gli studenti iscritti al test provenivano ovviamente in massima misura dalle regioni Puglia e Molise ma si sono annoverate anche partecipazioni da città molto lontane come Palermo, Agrigento, Arezzo e Bolzano.

Grazie anche alla collaborazione di tutti i partecipanti - fanno sapere - "l'Università di Foggia ha rispettato tutte le misure di sicurezza adottate per garantire il regolare e trasparente svolgimento delle prove di accesso, così come previsto e già anticipato in fase organizzativa."

I partecipanti, suddivisi in 7 sale della struttura, sono stati sottoposti a rigidi controlli durante le varie fasi di identificazione e assegnazione del posto.

Metal detector, scanner portatili e rilevatori di campi elettromagnetici sono stati utilizzati per evitare l'introduzione di telefoni cellulari e altre apparecchiature elettroniche in grado di agevolare la comunicazione con l'esterno.

Tutte le prove si sono svolte sotto la stretta sorveglianza di un rilevante numero di unità di personale universitario, coadiuvato da forze dell'ordine presenti all'interno delle sale anche in borghese (agenti di polizia, carabinieri e Guardia di Finanza).

"L'Università degli Studi di Foggia, come sempre, punta sulla regolarità e la trasparenza delle misure di sicurezza per garantire un disciplinato e tranquillo svolgimento delle prove selettive per l'ammissione ai corsi a numero programmato dell'area medica - ha dichiarato il Magnifico Rettore dell'Università degli Studi di Foggia Prof. Giuliano Volpe - Dopo gli esiti positivi degli scorsi anni, anche quest'anno le misure di sicurezza adottate hanno permesso di effettuare controlli durante l'intero svolgimento delle prove. Le modalità organizzative sono state condivise e supportate anche dalle forze dell'ordine coinvolte e presenti nella struttura. Il ringraziamento va, dunque, a tutti i partecipanti che hanno permesso la riuscita dell'intera organizzazione."

I risultati dei test di ammissione e le relative graduatorie saranno pubblicate sul sito internet di Ateneo (www.unifg.it).

In Evidenza

Potrebbe interessarti

I più letti della settimana

  • La Puglia torna in zona arancione. Conte firma il nuovo Dpcm: restrizioni fino al 5 marzo, riecco la scuola in presenza

  • Scuola, si cambia di nuovo: "Superiori in Ddi al 100% per una settimana, elementari e medie in presenza (con ddi a scelta)”

  • Addio a Padre Marciano Morra: per 20 anni fu amico e confratello di Padre Pio

  • La Puglia verso la zona arancione

  • Otto minuti di follia: inseguimento da film tra auto e pedoni, l'incidente contro un muro e la cattura dei due fuggitivi

  • 170 pazienti in terapia intensiva e 1392 in area non critica in Puglia. Nel Foggiano covid-free solo due comuni su 61

Torna su
FoggiaToday è in caricamento