rotate-mobile
Mercoledì, 26 Gennaio 2022
Cronaca

Terremoto di magnitudo 3.6 sul Gargano "rientra nella sismicità di base del nostro Paese"

Lo riferisce all'Adnkronos il direttore dell'Osservatorio Nazionale dei Terremoti dell'Istituto Nazionale di Geofisica e Vulcanologia Salvatore Stramondo

Intervistato dall'Adnkronos, il direttore dell'Osservatorio Nazionale dei Terremoti dell'Istituto Nazionale di Geofisica e Vulcanologia Salvatore Stramondo, in merito alla scossa di terremoto di magnitudo 3.6 avvertita nella notte del 21 gennaio sul Gargano e in altri comuni del Tavoliere, finanche nella Bat, con epicentro a Carpino, "rientra nella sismicità di base del nostro Paese". 

Sempre all'agenzia di stampa, il direttore aggiunge che dal 1985 ad oggi abbiamo avuto numerosi sismi di magnitudo simile" e "ne abbiamo molte simili ogni anno."

Sono cinque finora le scosse di terremoto localizzate in provincia di Foggia dal 1 gennaio 2020: quella del 7 gennaio di magnitudo 2.3 con epicentro a Lesina, di magnitudo 2.8 e 2.2 con epicentro alle Isole Tremiti sulla Costa Garganica del 13 gennaio e quella del giorno successivo, nella stessa area di magnitudo 2.4

Si parla di
Sullo stesso argomento

In Evidenza

Potrebbe interessarti

Terremoto di magnitudo 3.6 sul Gargano "rientra nella sismicità di base del nostro Paese"

FoggiaToday è in caricamento