Indennizzi vittime di un reato doloso: prorogati i termini per presentare domanda

L’indennizzo è elargito per la rifusione delle spese mediche e assistenziali documentate, salvo per i fatti di violenza sessuale o di omicidio, nei quali casi l’indennizzo è comunque elargito

Immagine di repertorio

Il prossimo 12 aprile scadrà il termine previsto dalla cosiddetta Legge Europea 2017, per presentare la domanda di indennizzo a favore delle vittime di un reato doloso commesso con violenza, anche per i reati commessi dal 30 giugno 2005 al 23 luglio 2016 (in origine non previsti), nelle ipotesi in cui la vittima o gli aventi causa in caso di omicidio, non abbiano conseguito il risarcimento del danno dall’autore del reato.

Per agevolare le vittime, qualora alla scadenza del termine sopra indicato non sia ancora disponibile la documentazione richiesta (atti esecutivi, passaggio in giudicato della sentenza), le domande potranno comunque essere presentate nel termine generale di 60 giorni dall’ultimo atto esecutivo o dal passaggio in giudicato della sentenza. L’indennizzo è elargito per la rifusione delle spese mediche e assistenziali documentate, salvo per i fatti di violenza sessuale o di omicidio, nei quali casi l’indennizzo è comunque elargito anche in assenza di spese mediche e assistenziali.

Gli importi, fissati dal decreto interministeriale del 31 agosto 2017, saranno a breve rideterminati in aumento, grazie alle nuove e maggiori risorse stanziate con la legge europea 2017 e la legge di bilancio 2018. Tale decreto è inserito anche nel sito www.interno.gov.it, sulla pagina “Commissario per il coordinamento delle iniziative di solidarietà per le vittime dei reati di tipo mafioso e dei reati intenzionali violenti”, in cui sono altresì precisati condizioni e presupposti per accedere al Fondo, nonché le informazioni relative al procedimento.

In Evidenza

Potrebbe interessarti

I più letti della settimana

  • Sangue nel cuore della movida, colpita con i vetri di una bottiglia e sfregiata a vita: arrestata ragazza di 20 anni

  • Coronavirus: la Puglia resta in zona arancione

  • Sua moglie è positiva, lui è in isolamento ma va ugualmente a lavorare: segnalato al 112 e multato dai carabinieri

  • San Marco in Lamis sotto choc, comunità in lutto per Domenico: "Questo maledetto virus gli ha tolto la vita"

  • Grave episodio in zona via Lucera: auto imbrattata con frasi, disegni volgari e sigle contro la polizia

  • Coronavirus: oggi 32 morti in Puglia e 397 nuovi casi in provincia di Foggia

Torna su
FoggiaToday è in caricamento