Fermato dagli agenti dopo una tentata rapina, li aggredisce e prende a calci l’auto di servizio

Sabali Ibrahima, 28enne guineano, è stato arrestato dalla polizia nella notte. Gli agenti sono intervenuti in via Montegrappa, dove l’uomo aveva aggredito un cittadino per farsi consegnare il portafogli

Nella notte appena trascorsa, a Foggia, la Polizia di Stato ha tratto in arresto per tentata rapina Sabali Ibrahima, cittadino della Guinea classe 1989, con precedenti di polizia. Poco dopo la mezzanotte, a seguito di segnalazione alla Sala Operativa, due equipaggi della Squadra Volante sono intervenuti in Via Montegrappa, dove Sabali aveva aggredito un cittadino foggiano che stava rientrando a casa, afferrandolo per la gola e intimandogli di consegnare il portafoglio.

Grazie anche all’intervento di un passante intervenuto in soccorso della vittima, gli Agenti hanno fermato il soggetto, che era in evidente stato di alterazione dovuta all’assunzione di alcol. L’uomo, infatti, ha infatti colpito gli agenti, sferrando calci all’auto di servizio, prima di essere bloccato con non poca fatica, ed essere portato in Questura. La resistenza del guineano è proseguita anche negli uffici, durante le fasi di identificazione, considerando che si era anche rifiutato di fornire le proprie generalità. Al termine delle formalità, è stato tradotto presso la locale Casa circondariale, a disposizione dell’Autorità Giudiziaria.

Fondamentale è stato il tempestivo intervento degli equipaggi della Squadra Volanti, costantemente impegnati a pattugliare la zona, particolarmente attenzionata per la tutela dei residenti e il controllo dei cittadini extracomunitari che gravitano nel quartiere, nella logica di prossimità e al fine di aumentare il senso di sicurezza percepita dai cittadini. L’episodio, peraltro, testimonia ancora una volta quanto sia determinante la collaborazione dei cittadini con le Forze dell’Ordine, per contrastare qualunque fenomeno di illegalità.

Potrebbe interessarti

I più letti della settimana

  • Strage a Orta Nova, triplice omicidio e suicidio: spara e uccide moglie e due figlie di 13 e 18 anni, poi si toglie la vita

  • Mazzi di fiori, lacrime e dolore per Teresa, Miriana e Valentina (il Comune penserà ai funerali): città incredula per l'insano gesto di Ciro

  • Incredibile al carcere di Foggia, detenuto telefona ai carabinieri dalla cella: "Siamo al ridicolo"

  • Bus frena per evitare auto, donna cade e muore: due persone a giudizio per omicidio stradale

  • "Addio Costanzo", il dirigente medico del Pronto Soccorso sempre al servizio dei pazienti: "Era un professionista esemplare"

  • Ingerisce droga, neonata in coma a Foggia: "Monitoriamo parametri vitali, situazione stazionaria"

Torna su
FoggiaToday è in caricamento