rotate-mobile
Lunedì, 15 Agosto 2022
Cronaca

Rodi omaggia don Michele Pio Cardone, al suo 17esimo anno di sacerdozio

"Il mondo è nelle mani di coloro che hanno il coraggio di sognare e di correre il rischio di vivere i propri sogni"

Nota- Questo comunicato è stato pubblicato integralmente come contributo esterno. Questo contenuto non è pertanto un articolo prodotto dalla redazione di FoggiaToday

Un riconoscimento "speciale" assegnato ad una persona che si è distinta in maniera particolare per amore, dedizione e "buona volontà" nei confronti della città in cui fa il parroco da quattordici anni. Nel giorno del suo 17esimo anno di sacerdozio, al termine della funzione religiosa, gli è stata consegnata una meravigliosa targa laminata in oro, dal vicesindaco di Rodi Garganico, Carlo Vallese.

E' stato premiato così l'attento lavoro svolto da don Michele Pio Cardone per la comunità di Rodi Garganico. In una chiesa gremita di fedeli, don Michele Pio ha chiamato accanto a lui sull'altare tutti i membri dell'amministrazione comunale e pieno di commozione li ha ringraziati abbracciandoli: "Il mondo è nelle mani di coloro che hanno il coraggio di sognare e di correre il rischio di vivere i propri sogni"

Sulla scelta di don Michele Pio non vi era alcun dubbio: capace di riuscire bene in qualsiasi avventura decida di intraprendere è un sacerdote che, nonostante la giovanissima età, ha dimostrato di riuscire a coinvolgere in maniera naturale, persone di ogni tipo, diventando un punto di riferimento per la città che, con questo riconoscimento, ha voluto stringere in un abbraccio tutte le persone in difficoltà di cui si prende cura don Michele Pio.

Un cammino che, siamo sicuri, lo porterà lontano, senza mai dimenticare il punto di partenza che, con il giusto lavoro e la passione che lo contraddistinguono, contribuirà a migliorare sempre più i cittadini a scrutare l'orizzonte senza mai dimenticare il percorso fatto fino a quel momento. Perché, come ha detto lui stesso, nel suo breve ed emozionato discorso in Chiesa, "una città vuol dire non essere soli, sapere che nella gente, nelle piante, nella terra c'è qualcosa di tuo, che anche quando non ci sei resta ad aspettarti".
 

Si parla di

In Evidenza

Potrebbe interessarti

Rodi omaggia don Michele Pio Cardone, al suo 17esimo anno di sacerdozio

FoggiaToday è in caricamento