Si cosparge di benzina e si dà fuoco: il cadavere carbonizzato è di un 66enne

Risolto il mistero del cadavere carbonizzato trovato all’interno di una Fiat Panda avvolta dalle fiamme sulla strada che collega Monte Sant’Angelo a Mattinata. Si è trattato di un suicidio

L'auto incendiata (Foto di Roberto D'Agostino)

Si è trattato di suicidio. Il cadavere carbonizzato trovato sul Gargano all’interno di un'auto avvolta e distrutta dalle fiamme, è di un 66enne di Monte Sant’Angelo, che ieri pomeriggio dopo essersi allontanato dalla propria abitazione a bordo di una Fiat Panda, ha acquistato della benzina presso un distributore della cittadina garganica e proseguito il tragitto sulla Statale 89 verso Mattinata.

Dopo tre chilometri si è fermato e si è dato fuoco cospargendosi del liquido infiammabile. A lanciare l’allarme ai carabinieri un automobilista. L’intervento e il successivo sopralluogo effettuato sul posto dalla Sezione Investigazioni scientifiche del Comando Provinciale dei Carabinieri di Foggia confermava l’ipotesi del suicidio.

   

In Evidenza

Potrebbe interessarti

I più letti della settimana

  • Genitori furiosi con Emiliano, che li invita a non mandare i figli a scuola : "La Puglia non è una regione per bambini"

  • La scuola anti-covid di Emiliano tra ordinanze e appelli social. La contestazione: "Il 18 si torni in classe in sicurezza"

  • "Irresponsabile incoraggiare la didattica in presenza". Appello di Emiliano al mondo della scuola. "La mia non è una crociata"

  • Coronavirus: 1162 nuovi positivi in Puglia e 24 morti. In Capitanata 150 casi e sei vittime

  • San Marco e Rignano sotto choc: addio a Matteo Longo, carabiniere esemplare e dall'animo buono

  • La Puglia torna in zona arancione. Conte firma il nuovo Dpcm: restrizioni fino al 5 marzo, riecco la scuola in presenza

Torna su
FoggiaToday è in caricamento