Dice a un’amica di volersi suicidare, vigili intervengono e la salvano

E' accaduto a Cerignola. Tre vigili l'hanno assistita e accompagnata in ospedale. Il sindaco: "Riceveranno un encomio"

Ha inviato un sms telefonico a un’amica di Milano manifestandole l’intenzione di volersi togliere la vita. Ma l'amica, fortunatamente, non ha perso tempo e ha allertato immediatamente i carabinieri della città lombarda, i quali, a loro volta, hanno chiamato i colleghi di Cerignola.

Su segnalazione dei militari, i vigili urbani si sono precipitati a casa della donna dicendole che erano lì per un accertamento di residenza. Con questa motivazione gli agenti Giuseppe Mancino, Maria Rosaria Salvatori e Barbara Dileo sono entrati in casa e con il passare dei minuti hanno provato a tranquillizzarla, visibilmente depressa.

All’arrivo dei familiari, per non destare sospetti, i tre agenti sono andati via consigliando alla donna di contattare il comando qualora ne avesse bisogno. Così è stato. La signora ha inviato un sms a una delle due vigilesse dicendo di sentirsi male. Tornati di nuovo sul posto, i vigili l’hanno accompagnata al pronto soccorso dell’ospedale Tatarella.

Su disposizione dei medici la donna è stata accompagnata in altra struttura sanitaria per una consulenza psichiatrica. “Voglio ringraziare gli agenti Giuseppe Mancino, Maria Rosaria Salvatori e Barbara Dileo per la straordinaria professionalità, l’accortezza dei modi usati e la sensibilità umana dimostrate dice il sindaco Antonio Giannatempo.

Hanno salvato una vita, meritando un encomio, che riceveranno a breve, dall’Amministrazione Comunale, la quale è fiera dei suoi vigili urbani, tanto più meritevoli per quanto fanno ogni giorno perché lavorano in condizioni decisamente difficili, in un contesto problematico come quello di Cerignola”. 

“La bella pagina di cronaca scritta ieri dai vigili urbani non è la prima di questo tipo – afferma invece l’assessore alla Sicurezza Franco Reddavide -. Così operano i nostri agenti di Pm. Sono pochi rispetto allo sconfinato territorio che noi abitiamo, ma non accampano mai alibi nella loro azione quotidiana. La loro presenza di supporto alla popolazione è costante, sempre incisiva, per questo meritano il rispetto e la stima troppe volte malevolmente negati”.

In Evidenza

Potrebbe interessarti

I più letti della settimana

  • Genitori furiosi con Emiliano, che li invita a non mandare i figli a scuola : "La Puglia non è una regione per bambini"

  • La scuola anti-covid di Emiliano tra ordinanze e appelli social. La contestazione: "Il 18 si torni in classe in sicurezza"

  • La Puglia torna in zona arancione. Conte firma il nuovo Dpcm: restrizioni fino al 5 marzo, riecco la scuola in presenza

  • Coronavirus: 1162 nuovi positivi in Puglia e 24 morti. In Capitanata 150 casi e sei vittime

  • San Marco e Rignano sotto choc: addio a Matteo Longo, carabiniere esemplare e dall'animo buono

  • "Esco con gli amici" ma non fa più ritorno. Scomparso a 16 anni ma c'è chi tace per paura: "Noi non dimentichiamo"

Torna su
FoggiaToday è in caricamento