Devi disattivare ad-block per riprodurre il video.
Play
Replay
Play Replay Pausa
Disattiva audio Disattiva audio Disattiva audio Attiva audio
Indietro di 10 secondi
Avanti di 10 secondi
Spot
Attiva schermo intero Disattiva schermo intero
Skip
Il video non può essere riprodotto: riprova più tardi.
Attendi solo un istante...
Forse potrebbe interessarti...

"Vogliamo sapere se si è trattato di un suicidio o se Gerardo Tarantino è stato "suicidato" da qualcuno"

Il commento del legale di Gerardo Tarantino, l'avv. Michele Sodrio, a poche ore dalla notizia del ritrovamento del corpo senza vita del suo assistito nel bagno della cella del carcere di Foggia: "Vogliamo conoscere la verità"

 

Gerardo Tarantino, l'unico indiziato dell'omicidio di Tiziana Gentile avvenuto il 26 gennaio a Orta Nova, è stato trovato senza vita nel bagno della cella del carcere in cui era ristretto dal giorno successivo al fermo avvenuto nei pressi dell'abitazione della vittima.

L'avvocato Michele Sodrio si dice "indignato" per l'epilogo: "Avevo segnalato in ogni modo che Gerardo Tarantino era una persona gravemente disturbata e quindi ad alto rischio di suicidio. Ho chiesto espressamente alla direzione del carcere che fosse sottoposto a stretta sorveglianza, ma è chiaro che non siamo stati presi sul serio".

Sodrio fa sapere che presenterà formale denuncia alla Procura "affinchè si tenti di fare piena luce sull'accaduto, anche perchè", aggiunge "nei giorni precedenti il mio cliente mi aveva parlato e scritto ripetutamente di minacce di morte. Purtroppo non era riuscito a indicarmi dei nomi, ma metterò tutto a disposizione degli inquirenti".

E ancora, aggiunge il legale di Tarantino, "l'ultima volta che l'ho sentito è stato ieri pomeriggio per la solita telefonata settimanale ed era in uno stato di fortissima agitazione, urlava la sua innocenza, piangeva e diceva di essere stato riportato in un reparto dove non voleva assolutamente stare, per di più collocato in una cella da solo. Ho cercato di calmarlo e rassicurarlo, ma poi la chiamata si è bruscamente interrotta per lo scadere dei 10 minuti di durata prevista"

Sodrio prosegue: "Ero molto preoccupato, tant'è che avevo in programma di tornare a trovarlo di persona martedì mattina. Purtroppo non ho fatto in tempo. Mi sento anch'io in colpa, forse avrei dovuto fare di più per gli accertamenti medico-psichiatrici, anche se avevo già interessato uno dei miei consulenti per procedere con una valutazione subito dopo Pasqua".

L'avvocato di Orta Nova conclude: "A nome di tutti i familiari di Gerardo Tarantino chiediamo alla Procura di svolgere delle indagini rigorose, per accertare cosa sia davvero accaduto. E' inaccettabile che un cittadino nelle mani dello Stato sia ritrovato morto da un momento all'altro. Si tratta di un suicidio o Gerardo Tarantino è stato "suicidato" da qualcuno? Vogliamo sapere la verità".

Potrebbe Interessarti

Torna su
FoggiaToday è in caricamento