Cronaca

Striscione choc al cimitero: “Buon 1 maggio, lavoratore suicidato”

La striscione provocatorio è firmato Blu, il sindacato di CasaPound Italia. 'Ci sono sindacati che non festeggiano'". Cpi: "E' il 1 maggio, ma non c'è niente da festeggiare"

Buon 1 maggio, lavoratore suicidato’. E’ lo striscione choc e provocatorio targato Blu, il sindacato di CasaPound Italia trovato questa mattina all’ingresso del cimitero di Foggia.  Lo stesso striscione è stato affisso in una cinquantina di città italiane, dal Nord al Sud, anche in piccoli centri.

‘’Ci sono  sindacati che non festeggiano’’ si legge in calce ai volantini, più forti degli striscioni, che stanno facendo il giro della rete: l’immagine rappresentata è quella di un operaio che pende da un grande ‘1’. A lato la scritta: ‘’Forse non ti interessa più, ma a Roma oggi c’è un gran concerto. Buon 1 maggio, lavoratore suicidato’’.

Il ‘concertone’ organizzato da Cgil, Cisl e Uil a piazza San Giovanni è finito anche su uno degli striscioni esposti dal sindacato di Cpi  davanti al Cimitero di Foggia: ‘’Buon 1 maggio, lavoratore suicidato – si legge – stasera niente concerto’’.

‘’Rifiutiamo la logica da ‘panem et circenses’ dei sindacati, anche perché di  ‘panem’, a differenza di quanto avveniva nell’antica Roma, oggi non se ne vede  più – sottolinea Blu in una nota – Di fronte a una lista di imprenditori e  lavoratori ‘suicidati’ da uno Stato strozzino che si allunga ogni giorno di più  e a una riforma che punta a ridurre i lavoratori in stato di servaggio, Cgil, Cisl e Uil non sanno fare di meglio che pretendere di utilizzare come una  vetrina, peraltro a costo zero, piazza San Giovanni, sperando così di far  dimenticare a suon di musica la loro inettitudine. Noi però a questo gioco  ipocrita non partecipiamo. E’ il 1 maggio, ma non c’è niente da festeggiare’’.

Si parla di

In Evidenza

Potrebbe interessarti

Striscione choc al cimitero: “Buon 1 maggio, lavoratore suicidato”

FoggiaToday è in caricamento