rotate-mobile
Domenica, 14 Agosto 2022
Cronaca

La sparatoria di Milano sconvolge l’Aiga: “Anche a Foggia più controlli ai varchi”

Il presidente Gianluca Guerrasio: "Il nostro tribunale presenta controlli piuttosto efficienti per i varchi riservati ai cittadini, ma andrebbero intensificati quelli agli accessi liberi dedicati ad avvocati e magistrati"

La sparatoria avvenuta ieri mattina all’interno del Palazzo di Giustizia di Milano, ha sconvolto l’Italia, nella sua interezza. Lo sgomento per la vicenda, tanto grave quanto assurda, ha pervaso i membri della sezione A.I.G.A. (Associazione Italiana Giovani Avvocati) di Foggia che, per il tramite del loro presidente, l’avvocato Gianluca Guerrasio, esprimono cordoglio per quanto accaduto: “Siamo costernati da quanto accaduto al Tribunale di Milano. Esprimiamo la nostra vicinanza al mondo forense milanese e un sincero cordoglio alle famiglie del giovane collega Alberto Claris Appiani, del giudice Ciampi e delle altre persone vittime di questo gesto folle”.

Il pensiero va subito alla vita quotidiana del nostro Palazzo di Giustizia: ”Il nostro tribunale presenta dei controlli all’ingresso piuttosto efficienti per quanto riguarda i varchi predisposti all’ingresso dei cittadini. Certamente andrebbe intensificato anche il controllo agli accessi liberi, quelli riservati agli avvocati e ai magistrati, dove spesso può accadere ciò che si sta ipotizzando per il caso di Milano, ossia che il folle abbia avuto accesso dal passaggio libero confondendosi con gli avvocati e così eludendo il metal detector”.

Guerrasio prosegue: “Auspichiamo, quindi, consapevoli anche del rischio emulativo che certi comportamenti possono in un particolare momento storico come quello attuale, che possano essere intensificati i controlli all’ingresso al fine di garantire la massima sicurezza e l’incolumità di quanti giornalmente si recano presso il Palazzo di Giustizia per compiere il proprio onesto lavoro. Chiaramente l’appello che si rivolge a tutti i colleghi avvocati è quello di collaborare con il servizio di vigilanza del nostro Tribunale, cui si riconosce grande professionalità ed efficienza, affinchè i nostri clienti o comunque le persone non addette ai lavori vengano invitate sempre a passare dal varco sottoposto al controllo elettronico”.

E sulla questione milanese conclude: "Auspichiamo che siano accertate le responsabilità di chi non ha saputo impedire ad un folle di entrare in un tribunale armato, per poi sparare all’impazzata in due luoghi diversi di un Palazzo in cui la sicurezza dovrebbe essere una priorità assoluta”.

In Evidenza

Potrebbe interessarti

La sparatoria di Milano sconvolge l’Aiga: “Anche a Foggia più controlli ai varchi”

FoggiaToday è in caricamento