Strage di randagi morti avvelenati: associazione foggiana denuncia il sindaco di Sciacca

L’associazione ‘Guerrieri con la coda’ di Anna Rita Melfitani ha denunciato il sindaco Francesca Valenti dopo la mattanza di cani avvelenati, una quarantina quelli morti ammazzati

I cani morti avvelenati

Sono 25 i cani avvelenati con una sostanza a base di insetticida e uccisi a Sciacca, in provincia di Agrigento (sette quelli tratti in salvo), “una vera è propria mattanza di innocenti che hanno l'unica loro colpa di essere nati randagi e che ha segnato il mondo animalista da nord a sud” spiega Anna Rita Melfitani dell’associazione ‘Guerrieri con la Coda’.

“Vogliamo che l'artefice o gli artefici di tale gesto crudele debba pagare con la giustizia. Purtroppo sappiamo che quei cani non torneranno più in vita ma nel 2018 non possiamo più apprendere certe notizie che ci amareggiano e ci fanno pensare che purtroppo la gente non ancora rientra nei canoni di civiltà”

L’associazione animalista foggiana ha denunciato il primo cittadino di Sciacca, Francesca Valenti, per inadempienza della legge  281/91. Per omissione di atti d'ufficio e perché dopo l' avvelenamento la zona non è stata bonificata, quindi procurando altri morti e chissà a quanto ammonterà ancora”. E ancora: “Questo nostro atto di giustizia è un atto dovuto alle vittime di Sciacca e deve far sentire la vicinanza degli animalisti foggiani ai volontari siciliani che ogni giorno combattono situazioni di crudeltà verso i nostri amici animali”.

Devi disattivare ad-block per riprodurre il video.
Play
Replay
Play Replay Pausa
Disattiva audio Disattiva audio Disattiva audio Attiva audio
Indietro di 10 secondi
Avanti di 10 secondi
Spot
Attiva schermo intero Disattiva schermo intero
Skip
Il video non può essere riprodotto: riprova più tardi.
Attendi solo un istante...
Forse potrebbe interessarti...

Ma in un articolo di Agrigento Notizie del 18 febbraio si legge: "Il sito è stato più volte oggetto di interventi di bonifica, da venerdì a questa mattina. Personale comunale, coadiuvato da volontari, ha rimosso le esche avvelenate trovate in località Muciare, così come disposto dall’ordinanza sindacale emessa lo scorso venerdì 16 febbraio a seguito della informativa trasmessa al Comune, lo stesso giorno, dall’Asp di Agrigento sull’orribile crimine perpetrato in contrada Muciare.  Le carcasse dei cani brutalmente uccisi sono state prelevate e trasferite in un centro specializzato di Carini”

In Evidenza

Potrebbe interessarti

I più letti della settimana

  • Coronavirus, ordinanza di Emiliano sulle scuole: da lunedì sospese le lezioni in presenza per le ultime tre classi

  • 423 contagiati a Foggia, Landella firma l'ordinanza: vie e piazze della movida "chiuse" dopo le 21 nel fine settimana

  • "Che ore sono?", poi scatta la violenza: in cinque aggrediscono ragazzo in centro. "Togli la mascherina quando parli con noi"

  • In serata il nuovo Dpcm Conte: stretta sulla movida e ipotesi coprifuoco. A rischio sport dilettantisti, cinema e teatro

  • Coronavirus, l'avanzata dei contagi preoccupa la Puglia: "Si deve uscire solo per lavorare, istruirsi o altre gravi necessità"

  • Ecco la bozza del nuovo Dpcm: bar e ristoranti chiusi alle 18. Stop a palestre e piscine

Torna su
Devi disattivare ad-block per riprodurre il video.
Play
Replay
Play Replay Pausa
Disattiva audio Disattiva audio Disattiva audio Attiva audio
Indietro di 10 secondi
Avanti di 10 secondi
Spot
Attiva schermo intero Disattiva schermo intero
Skip
Il video non può essere riprodotto: riprova più tardi.
Attendi solo un istante...
Forse potrebbe interessarti...
FoggiaToday è in caricamento