Pericolo strade a Foggia: una donna cade, un'altra viene investita. Esposto al Comune: "Pronti ad azioni legali"

Un ‘avviso’ formale al sindaco Franco Landella a che intervenga con celerità sullo stato delle strade e della pubblica illuminazione o "verrà trascinato in Tribunale per responsabilità oggettiva". Lo ha depositato l'ADCUA

Un ‘avviso’ formale al sindaco Franco Landella a che intervenga con celerità sullo stato delle strade e della pubblica illuminazione, in particolare su alcune teatro di recente di investimenti e grandi rischi per l’incolumità dei cittadini. E’ quanto ha depositato ieri l’ADCUA, l’associazione Difesa Consumatori e Ambiente, a Palazzo di Città, inviandola per conoscenza anche al Prefetto di Foggia, Raffaele Grassi.

“La pazienza è terminata” dichiara a Foggiatoday Walter Mancini, presidente Adcua, preannunciando come questo altro non sia che un “primo atto formale”, propedeutico a successive diffide e ad azioni collettive, anche giudiziarie, in cui l’ente rischia di essere trascinato per “responsabilità oggettiva”. Nel testo, infatti, sono richiamate tutte le sentenze che, a parere di Mancini, evidenziano in maniera cristallina i casi in cui la Pubblica Amministrazione è imputabile. L’avviso muove da un recente caso di cronaca, occorso in via Bonante, dove una donna, causa scarsa illuminazione, è stata investita, ed un’altra ha rischiato di esserlo.

“Egregio signor Sindaco, continuano a giungere alla nostra associazione denunce di cittadini che lamentano una scarsa illuminazione viaria dovuta principalmente a: la mancata sostituzione delle lampade ed al loro flusso luminoso insufficiente; la mancata manutenzione degli alberi le cui chiome circondano le lampade, impedendo che la luce sia proiettata pienamente sulla strada e sui marciapiedi; grave deterioramento del manto stradale e pedonale che presenta in varie parti della città fessurazioni, deformazioni, risalti e sacche, ormaie, ondulazioni, depressioni, buche, rigonfiamenti, etc. Sono molti gli incidenti in cui sono coinvolti pedoni e auto che avvengono in città a causa delle problematiche indicate. Un cittadino di via Antonio Bonante ci ha riferito che, a causa della scarsa illuminazione di quella strada, una donna è stata di recente investita e che sua figlia ha corso lo stesso rischio”. “Il Comune di Foggia, in quanto proprietario delle strade, si presume responsabile ai sensi dell’art. 2051 c.c. dei sinistri riconducibili alle situazioni di pericolo connesse alla struttura o alle pertinenze della strada stessa, salvo che si dia la prova che l’evento dannoso era imprevedibile e non tempestivamente evitabile e segnalabile”. “Al fine di evitare dunque ulteriori rischi per persone, mezzi e cose, invitiamo questa amministrazione a provvedere con somma urgenza alla soluzione definitiva dei problemi denunciati. Rimane comunque che, pur comprendendo la complessità delle leggi, anche in presenza di una seria programmazione da realizzarsi nel breve medio periodo, l’Amministrazione comunale continua ad essere corresponsabile dei danni a persone, mezzi e cose coinvolti”.

In Evidenza

Potrebbe interessarti

I più letti della settimana

  • Sangue nel cuore della movida, colpita con i vetri di una bottiglia e sfregiata a vita: arrestata ragazza di 20 anni

  • Coronavirus: la Puglia resta in zona arancione

  • Sua moglie è positiva, lui è in isolamento ma va ugualmente a lavorare: segnalato al 112 e multato dai carabinieri

  • San Marco in Lamis sotto choc, comunità in lutto per Domenico: "Questo maledetto virus gli ha tolto la vita"

  • Grave episodio in zona via Lucera: auto imbrattata con frasi, disegni volgari e sigle contro la polizia

  • Coronavirus: oggi 32 morti in Puglia e 397 nuovi casi in provincia di Foggia

Torna su
FoggiaToday è in caricamento