Brucia l'Oasi Lago Salso, l'ira di Pecorella: "In fumo preziosi ettari di biodiversità"

Il presidente del Parco nazionale del Gargano: "Una zona puntualmente oggetto di simili vili atti. Guarda caso proprio quando il Parco Nazionale del Gargano sta diventando l'unico soggetto gestore. Brutta coincidenza"

Immagine di repertorio

"Con preoccupazione e rammarico viviamo l'ennesimo atto incendiario. Chi ha appiccato ieri il fuoco nell'Oasi Lago Salso non ha bruciato solo una parte bellissima di quell'area, ma distrutto la ricchezza economica e naturalistica che è proprietà di tutti. Quella di quest'oggi è una ferita che drammaticamente si riapre, poiché vede andare in fumo preziosi ettari di biodiversità di una zona puntualmente oggetto di simili vili atti. Guarda caso proprio quando il Parco Nazionale del Gargano sta diventando l'unico soggetto gestore. Brutta coincidenza".

Questo il commento di Stefano Pecorella, presidente del Parco Nazionale del Gargano, a margine delle concitate ore che vedono un vasto incendio interessare la zona dell'Oasi Lago Salso di Manfredonia, tra i punti di maggior pregio di tutta l'Area Protetta. "Siamo stati, siamo e saremo in prima linea per la difesa e la valorizzazione dell'Oasi Lago Salso e per cercare di creare una occupazione stabile a chi lo merita”, afferma con risolutezza Pecorella.

Devi disattivare ad-block per riprodurre il video.
Play
Replay
Play Replay Pausa
Disattiva audio Disattiva audio Disattiva audio Attiva audio
Indietro di 10 secondi
Avanti di 10 secondi
Spot
Attiva schermo intero Disattiva schermo intero
Skip
Il video non può essere riprodotto: riprova più tardi.
Attendi solo un istante...
Forse potrebbe interessarti...

“Sin dal mio insediamento ho voluto fortemente il potenziamento di questa zona umida, tra le più ricche di biodiversità del Mediterraneo. Siamo riusciti ad aprire il Centro Visite, a far insediare con il Comune di Manfredonia una sede distaccata del Corpo Forestale dello Stato, evidentemente non basta. Dobbiamo impegnarci tutti perché la piaga degli incendi, così come quella del bracconaggio venga combattuta tutti i giorni, facendo comprendere che queste incommensurabili risorse, a nostra disposizione, sono un valore aggiunto per la qualità della vita e dell'economia locale, di tutti. Chi cerca di imboccare altre vie non ama questa terra. Saremo vigili per accertare responsabilità e consentire alle forze dell'ordine di assicurare gli autori di questi gesti alla giustizia".‪

In Evidenza

Potrebbe interessarti

I più letti della settimana

  • Blitz antimafia a Foggia. Smantellato traffico di droga: 16 arresti, tra cui uomini della 'Società'

  • Coronavirus, ordinanza di Emiliano sulle scuole: da lunedì sospese le lezioni in presenza per le ultime tre classi

  • Coronavirus, l'avanzata dei contagi preoccupa la Puglia: "Si deve uscire solo per lavorare, istruirsi o altre gravi necessità"

  • Ecco la bozza del nuovo Dpcm: bar e ristoranti chiusi alle 18. Stop a palestre e piscine

  • 423 contagiati a Foggia, Landella firma l'ordinanza: vie e piazze della movida "chiuse" dopo le 21 nel fine settimana

  • La 'Società Foggiana' messa spalle al muro: 16 arresti. Duro colpo al narcotraffico della rete criminale del 'Primitivo'

Torna su
Devi disattivare ad-block per riprodurre il video.
Play
Replay
Play Replay Pausa
Disattiva audio Disattiva audio Disattiva audio Attiva audio
Indietro di 10 secondi
Avanti di 10 secondi
Spot
Attiva schermo intero Disattiva schermo intero
Skip
Il video non può essere riprodotto: riprova più tardi.
Attendi solo un istante...
Forse potrebbe interessarti...
FoggiaToday è in caricamento