Affetta da disabilità, viene aggredita e minacciata di morte dall'ex marito: per il 39enne scatta il divieto di avvicinamento

Nei suoi confronti è scattato il divieto di avvicinamento. La misura applicata dal giudice impone all’ex marito di mantenere una distanza dalla vittima e dai prossimi congiunti non inferiore a 100 metri e di non comunicare con essi

Immagine di repertorio

Ingiurie, pedinamenti e messaggi di morte nei confronti della ex e dei suoi familiari, scatta il divieto di avvicinamento per un 39enne foggiano.

La misura è stata eseguita lo scorso 19 aprile, dagli agenti della Squadra Mobile di Foggia, che hanno notificato l’ordinanza applicativa del divieto di avvicinamento ai luoghi frequentati dalle persone offese.

In particolare, è emerso, l’uomo aveva posto in essere atti persecutori dall’autunno del 2018, nei confronti della ex moglie, consistiti in ingiurie, messaggi minacciosi di morte, anche nei confronti dei prossimi congiunti, appostamenti e pedinamenti.

In un caso la vittima subiva un’aggressione pur essendo affetta da disabilità ed era costretta per paura a mutare le proprie abitudini di vita. La misura applicata dal giudice impone all’ex marito di mantenere una distanza dalla vittima e dai prossimi congiunti non inferiore a 100 metri e di non comunicare con essi con qualsiasi mezzo.

In Evidenza

Potrebbe interessarti

I più letti della settimana

  • Travolge e uccide 35enne, scappa ma telecamere e frammenti lo incastrano: arrestato per omicidio stradale

  • Emiliano chiede la 'zona rossa' per la provincia di Foggia: "Qui massima gravità e livello di rischio alto"

  • Coronavirus: la Puglia resta in zona arancione

  • Finisce in carcere l'uomo che ha investito e ucciso Vincenzo Maffeo. Aveva portato a riparare il mezzo da un carrozziere

  • Sua moglie è positiva, lui è in isolamento ma va ugualmente a lavorare: segnalato al 112 e multato dai carabinieri

  • San Marco in Lamis sotto choc, comunità in lutto per Domenico: "Questo maledetto virus gli ha tolto la vita"

Torna su
FoggiaToday è in caricamento