Stornara, stalking e incendio aggravato: arrestato autotrasportatore 34enne

L'uomo era stato sottoposto a fermo nell'agosto del 2010. Lo stalker ha minacciato più volte l'ex convivente chiedendole di tornare insieme a lui. Pochi giorni fa la vittima ha trovato i sanitari distrutti e il pavimento incendiato

E’ stato nuovamente arrestato il 34enne di Stornara accusato di stalking e incendio aggravato.

Nell’agosto del 2010 l’autotrasportatore era finito in carcere in seguito alla denuncia dell’ex convivente. Tornato in libertà, l’uomo ha continuato a minacciare e perseguitare la donna, costretta addirittura a cambiare domicilio.

Pochi giorni fa, in pieno centro, al volante della sua auto, la donna è stata affiancata da quella dell’uomo, il quale ha tentato in tutti i modi di speronarla e sbarrarle la strada. Non pago del primo tentativo, qualche ora dopo il 34enne ha fermato l’ex convivente intimandola di tornare con lui e minacciandola che in caso contrario le avrebbe messo una bomba presso la sua abitazione.

Il giorno successivo, di rientro da lavoro, la vittima ha trovato l’ingresso di casa forzato , il pavimento bruciato e gli infissi e i sanitari distrutti.  Lo stalker, dopo accurate indagini, è stato sottoposto a fermo di polizia giudiziaria dai Carabinieri.

In Evidenza

Potrebbe interessarti

I più letti della settimana

  • La scuola anti-covid di Emiliano tra ordinanze e appelli social. La contestazione: "Il 18 si torni in classe in sicurezza"

  • La Puglia torna in zona arancione. Conte firma il nuovo Dpcm: restrizioni fino al 5 marzo, riecco la scuola in presenza

  • Coronavirus: 1162 nuovi positivi in Puglia e 24 morti. In Capitanata 150 casi e sei vittime

  • Scuola, si cambia di nuovo: "Superiori in Ddi al 100% per una settimana, elementari e medie in presenza (con ddi a scelta)”

  • San Marco e Rignano sotto choc: addio a Matteo Longo, carabiniere esemplare e dall'animo buono

  • "Esco con gli amici" ma non fa più ritorno. Scomparso a 16 anni ma c'è chi tace per paura: "Noi non dimentichiamo"

Torna su
FoggiaToday è in caricamento