menu camera rotate-device rotate-mobile facebook telegram twitter whatsapp apple googleplay
Immagine di repertorio

Immagine di repertorio

Appostamenti, danneggiamento e minacce all’ex marito: eseguito divieto di avvicinamento per una donna foggiana

Il provvedimento è stato disposto dagli agenti della Polizia di stato verso la donna per i reati di minacce, stalking e danneggiamento. Diversi i casi registrati dallo scorso giugno, dopo che, in seguito alla separazione, i figli minori sono stati affidati in via esclusiva al padre

Venerdì, 28 settembre, gli agenti della Polizia di Stato appartenenti alla locale Squadra Mobile hanno dato esecuzione all’ordinanza del divieto di avvicinamento ai luoghi abitualmente frequentati dalle persone offese emessa in data 27.09.2018 dal Gip presso il Tribunale di Foggia nei confronti di una donna foggiana, per i reati di minacce, stalking e danneggiamento.

Fino a giugno 2018, la donna, dopo la separazione dal coniuge, all’esito della quale i figli minori sono stati affidati al padre in via esclusiva, ha iniziato a cercarli, appostandosi sotto casa, fermandoli per strada, avvicinando il marito per minacciarlo e, in un’occasione, danneggiando la porta dell’abitazione dei minori con lo scopo di volerli vedere. In tal modo ha indotto nei minori la paura di incontrarla al di fuori di un luogo protetto.

A causa dei suddetti episodi, il marito è stato costretto a sporgere denuncia nei confronti della moglie, e i fatti denunciati sono stati confermati oltre che da referti medici e fotografie, anche dai tre figli minori. Prosegue il lavoro della Polizia di Stato a tutela dei soggetti più deboli che si ritrovano a subire inaccettabili violenze in seno alla famiglia.

Argomenti
Condividi
In Evidenza
Attualità

La Puglia in bilico tra il giallo e l'arancione

Attualità

"L'antimafia non si fa così". A Foggia compleanno amaro della legge 109. "Senza visibilità per i beni confiscati, lo Stato ha vinto ma nessuno lo sa"

Ultime di Oggi
Potrebbe interessarti
In primo piano
Torna su

Canali

FoggiaToday è in caricamento