Cronaca San Nicandro Garganico

Segata la nuova staccionata di Torre Mileto, sindaco furioso: "Imbecilli, mi fate pena"

Distrutta da ignoti la barriera realizzata per impedire la sosta selvaggia a ridosso della spiaggia

La staccionata in legno a Torre Mileto è durata meno di un mese. Qualcuno evidentemente non ha gradito la barriera realizzata per impedire la sosta selvaggia a ridosso della spiaggia, tanto da accanirsi addirittura con un seghetto elettrico.

“Mi fate pena!”, urla dai social il sindaco di San Nicandro Garganico Matteo Vocale, rivolgendosi a coloro che definisce senza mezzi termini “imbecilli (e vi ho ‘trattati’)” e che hanno distrutto una porzione della staccionata.

“La battaglia in questo territorio è tra chi vuole costruire e chi vuole distruggere. Chi è per la legalità e chi crede di fare i suoi porci comodi come, dove e quando vuole. Punto. E noi la vinceremo questa battaglia, costi quel che costi”, promette il primo cittadino che invita chiunque abbia visto qualcosa o abbia sospetti a riferire a lui o alle forze dell’ordine. “Nel frattempo, sistemeremo, non solo la staccionata”, assicura.

Solo qualche giorno fa, aveva invitato la comunità ad avere cura di quell’opera che aveva dedicato dai social a un carabiniere forestale scomparso tre anni fa, Leonardo Cipriani, con cui spesso aveva ragionato per la soluzione di un problema su cui si discuteva da decenni.

In Evidenza

Potrebbe interessarti

Segata la nuova staccionata di Torre Mileto, sindaco furioso: "Imbecilli, mi fate pena"
FoggiaToday è in caricamento