Giovedì, 21 Ottobre 2021
Cronaca Vico del Gargano

Gargano: tra incendi, stabilimenti balneari abusivi e spiagge sporche

Speciale sulle spiagge della provincia di Foggia, gli incendi, gli stabilimenti balneari abusivi e le acque inquinate nel mese di giugno 2013

Gargano giugno 2013 | Mentre l’anticiclone Ade ha infuocato per alcuni giorni l’Europa e lo Stivale, in Capitanata ha tenuto banco il problema dei rifiuti, ma sulle spiagge. Nei primi week end di giugno, infatti, in migliaia hanno affollato le località di mare bagnando l'avvio della stagione estiva con i primissimi tuffi in acqua.

Ma non sono mancate le polemiche, tant'è che in parecchi hanno denunciato il degrado in cui versavano alcuni tratti di spiagge libere di San Menaio, Marina di Chieuti, Marina di Lesina e di Torre Mileto, che non brillavano quindi sotto il profilo del decoro e della pulizia.

Con il trascorrere dei giorni abbiamo ricevuto numerose segnalazioni dai nostri lettori circa i cumuli di rifiuti, talvolta maleodoranti, con i quali i bagnanti - tra una tintarella e l’altra, un castello di sabbia e una pennichella sotto l’ombrellone - erano stati costretti a convivere.

Tra le altre cose avvenute nel mese appena trascorso, non è mancata l'invasione delle alghe del 20 giugno in località 'Sciale delle Rondinelle' e l'uscita del rapporto 'Mare Monstrum' di Legambiente, che in materia di cemento illegale colloca Torre Mileto nella top five degli ecomostri italiani. Località turistica dove i carabinieri hanno sorpreso e sanzionato tre parcheggiatori abusivi.

Apprezzamenti invece sono arrivati dalle affollatissime e prestigiose spiagge di Vieste, Peschici, Rodi Garganico e Mattinata, dove però si è verificato anche un evento di cronaca increscioso come quello dell'incendio doloso di un chiosco sulla spiaggia di Calenella. Sono stati invece due gli stabilimenti balneari posti sotto sequestro sul Gargano, precisamente a Mattinata: il primo perchè era sprovvisto di autorizzazioni demaniali marittime, il secondo per aver occupato abusivamente un tratto di spiaggia libera.

Tutto questo nel mese in cui a Manfredonia, in 200, tra imprenditori, rappresentanti delle istituzioni e operatori turistici, hanno partecipato agli Stati Generali del Turismo attivo in Puglia, come occasione di rilancio del territorio e per spegnere le polemiche che vedono il Gargano e il Salento contrapposti e oggetto di una sfida inutile. Fuori, in spiaggia, talvolta è stata tutta un’altra storia: castelli di sabbia e tintarelle, ma sullo sfondo l’increscioso spettacolo dei rifiuti e dell'abusivismo.

Dalle Isole Tremiti, invece, si è alzato il vento di protesta del sindaco, dei residenti e dei turisti, preoccupati dalla presenza costante di una sostanza schiumosa, soprattutto a largo dell'isola di San Nicola. Tremiti che sono state protagoniste anche della tromba d'aria del 24 giugno 2013.

Il mese che ci siamo appena lasciati alle spalle si è chiuso con l'incendio divampato in località Baia delle Zagare, che però fortunatamente non ha provocato danni ingenti, anche grazie all'immediato intervento delle squadre dei vigili del fuoco e dei volontari della Protezione Civile.

Si parla di
Sullo stesso argomento

In Evidenza

Potrebbe interessarti

Gargano: tra incendi, stabilimenti balneari abusivi e spiagge sporche

FoggiaToday è in caricamento