menu camera rotate-device rotate-mobile facebook telegram twitter whatsapp apple googleplay

Aggressione Iula, Antonio Di Biase: “Un forte diverbio, ma nessun pugno”

L'amministratore delegato di Sanitaservice smentisce l'aggressione e chiarisce l'episodio di ieri pomeriggio, definendolo l'ennesimo tentativo del giornale di infangare la società. "Il giornalista mente sapendo di mentire"

In merito alla presunta aggressione subita dal giornalista de "L'Attacco" nel primo pomeriggio di ieri,  Antonio Di Biase smentisce categoricamente di aver sferrato un pugno a Michele Iula. In una nota a mezzo stampa  l'amministratore delegato di Sanitaservice chiarisce alcuni punti della vicenda

L'INTERVENTO DI ANTONIO DI BIASE - "Il giornale l’Attacco continua nella sua sistematica diffusione di notizie false. Oggi, uno dei suoi giornalisti, Michele Iula, si è inventata una aggressione perpetrata dall’amministratore della Sanitaservice, ha addirittura affermato di aver ricevuto un pugno. Il giornalista mente sapendo di mentire.

Questi I fatti. il sottoscritto si è casualmente incontrato con lo Iula presso la sede Asl di Foggia, intrattenendosi con lo stesso intorno alle questioni sollevate dalla recente sentenza della Corte Costituzionale che ha dichiarato parzialmente illegittime alcune norme regionali riguardanti la cd internalizzazione.

Il colloquio è stato interrotto quando, all’arrivo del direttore generale della Asl FG, lo Iula ha detto che l’interesse della sua visita in Asl era il direttore stesso, invitandomi a proseguire il colloquio nel primo pomeriggio.

Vero le 15.00, giusta accordi, ho chiamato lo Iula il quale mi ha invitato presso la redazione dell’Attacco, dove sono arrivato dopo una ventina di minuti. Ivi giunto gli ho chiesto del perché avesse associato il nome di Sanitaservice ad uno degli arrestati il giorno precedente, il rag. Granatiero (già direttore dell’area patrimonio dell’Asl foggiana), definito sul giornale come ‘sponsor’ della Sanitaservice: un’autentica bugia, utilizzata, ed è l’ennesima volta, per infangare e denigrare Sanitaservice e il suo amministratore.

Scrivo quello che voglio e ritengo giusto ! ha reagito lo Iula. Ne è scaturito un forte diverbio verbale. Non pugni, né uno né tanti. Questi i fatti. Non c’è stata alcuna aggressione, come ben possono testimoniare le persone presenti".

Argomenti
Condividi
In Evidenza
Attualità

"Compro 3mila dosi del vaccino Sputnik con la mia indennità"

Attualità

L'impianto di compostaggio di San Severo si farà: ha vinto Saitef, il Consiglio di Stato certifica il 'pasticcio' del Comune

Ultime di Oggi
Potrebbe interessarti
In primo piano
Torna su

Canali

FoggiaToday è in caricamento