Tra canili paralleli e volontariato fai-da-te: ecco la "giugla" del randagismo nel Foggiano

Un incontro convocato a San Severo, da Gino Urbano, direttore dei Servizi Veterinari Area C Benessere Animale per tentare di uniformare i comportamenti di tutte le anime che per ragioni diverse agiscono sul territorio intorno al problema

Un incontro per mettere ordine nella “giungla” del randagismo canino a Foggia e provincia. E’ quello che si è svolto lo scorso 1° marzo, per tentare di uniformare i comportamenti di tutte le anime che per ragioni diverse agiscono sul territorio intorno al problema. Un incontro sollecitato dall’associazione Volontari per la Protezione Animali e convocato a San Severo, da Gino Urbano, direttore dei Servizi Veterinari Area C Benessere Animale e che ha visto la presenza delle referenti veterinarie Asl Foggia, delle guardie Fare Ambiente, di quelli del Canile Comunale di Foggia e della Volontari Protezione Animali.

Unica assente, la referente delle Guardie Endas, giustificata per impegni istituzionali. Troppi illeciti e troppi “volontari” improvvisati, movimentano i randagi della nostra città verso il nord violando la normativa che regolamenta il fenomeno del randagismo, che non cessa mai di essere emergenza. “Violazioni commesse per mancanza di informazione, cittadini spesso in buona fede, ma anche personaggi conosciuti  e veterinari consenzienti che si muovono in perfetta malafede. Un sommerso che oramai conta un numero di cani pari al canile della nostra città” spiegano

“Un traffico che scorre parallelo alle strutture ufficiali e che viaggia con propri linguaggi oramai consolidati, ma sconosciuti al legislatore: stalli, staffette, questionari pre e post affido, con i quali, personaggi -a volte poco più che maggiorenni, che non hanno alcuna esperienza in materia di adozioni, si propongono quotidianamente tra una sorta di generalizzata benevolenza della gente comune ed una sostanziale indifferenza degli organi preposti. Chiunque può farsene un’idea, anche solo visionando i profili facebook di questi sedicenti volontari, raramente costituiti in vere e proprie Associazioni, anzi, cittadini singoli che sfuggono ancora meglio a qualsiasi controllo, grazie al supporto inconsapevolmente offerto dai social network attraverso i quali sollecitano non solo adozioni di cani e gatti, ma anche richieste di denaro e aiuti di ogni tipo”.

Attività, questa dei “canili paralleli” o “pensioni”, che si svolgono in strutture approntate alla meglio, su terreni privati fuori da ogni controllo igienico-sanitario, dove vengono custoditi animali, recuperati randagi sul territorio per poi esser “spediti” in ogni parte d’Italia con metodi irrituali, chippati a titolo oneroso, da veterinari libero professionisti direttamente a privati o a prestanome, che ne divengono di fatto “proprietari”, eludendo la normativa prevista in materia di spostamento “Fuori Regione”. E’ questione assodata che, cambiare arbitrariamente lo status giuridico dei cani da “animali di proprietà dell’ente territoriale (Comune di appartenenza)” in cani di proprietà privata, rappresenti “reato di appropriazione indebita”.

Sì è parlato di questo (e di altro) in questa riunione convocata dal dott. Urbano che ha invitato alla collaborazione tutti presenti, sebbene sarà suo compito organizzare gli interventi che dovranno svolgersi sia sul piano preventivo che repressivo, ma che tuttavia dovrà vedere coinvolti anche i Servizi Veterinari dell’area A competenti per l’anagrafe canina e il nostro Comune. “Perché – spiegano da VPA - se è vero che esiste un vero e proprio traffico di randagi, è anche realtà conclamata che ogni qualvolta il cittadino chiami gli organi preposti, anche solo per aver spiegazioni in ordine al comportamento da tenere in seguito al ritrovamento di randagi, le riposte siano quasi sempre inappropriate e inadeguate ad affrontare una realtà tanto complessa e non vi è alcun dubbio che la mancanza di risposte o il mancato intervento aprano le porte a personaggi e  comportamenti fuori dalla legalità”.

In Evidenza

Potrebbe interessarti

I più letti della settimana

  • La scuola anti-covid di Emiliano tra ordinanze e appelli social. La contestazione: "Il 18 si torni in classe in sicurezza"

  • La Puglia torna in zona arancione. Conte firma il nuovo Dpcm: restrizioni fino al 5 marzo, riecco la scuola in presenza

  • Coronavirus: 1162 nuovi positivi in Puglia e 24 morti. In Capitanata 150 casi e sei vittime

  • Scuola, si cambia di nuovo: "Superiori in Ddi al 100% per una settimana, elementari e medie in presenza (con ddi a scelta)”

  • San Marco e Rignano sotto choc: addio a Matteo Longo, carabiniere esemplare e dall'animo buono

  • "Esco con gli amici" ma non fa più ritorno. Scomparso a 16 anni ma c'è chi tace per paura: "Noi non dimentichiamo"

Torna su
FoggiaToday è in caricamento