menu camera rotate-device rotate-mobile facebook telegram twitter whatsapp apple googleplay
Mimmo Lasorsa

Mimmo Lasorsa

Intimidazioni e bombe ad Orta Nova, Lasorsa sbotta: "Non ne possiamo più. Pronti a fare un passo indietro"

Dopo le intimidazioni ai danni della famiglia Borea, il primo cittadino annuncia un comizio in piazza: "Sentiamo il bisogno di raccontarvi tutto". Tensioni per la situazione rifiuti. "Ogni volta che cerchiamo di prendere decisioni importanti per questa comunità accadono questi episodi"

"In questo momento è seriamente difficile fare delle valutazioni a caldo. Quello che posso, e possiamo, fare è dare piena solidarietà a Marianna e alla famiglia Borea per il vile atto ricevuto ancora una volta".

Così il sindaco di Orta Nova, Mimmo Lasorsa. "Consentitemi prima di fare alcune riflessioni: quando ci avete chiamato ad amministrare questo Paese sapevamo che per cambiarlo avremmo dovuto fare delle scelte difficili; sapevamo che avremmo incontrato diversi ostacoli. Ma vi siamo sinceri: non credevamo minimamente che si sarebbe arrivati a superare il limite come in questo caso. Ogni volta che cerchiamo di prendere decisioni importanti per questa comunità accadono questi episodi. Non ne possiamo più".

Bomba ad Orta Nova, fratelli Borea nel mirino: prima l'incendio all'auto di Paolo, ora l'esplosione al negozio di Marianna 

"Ora però miei cari cittadini e cittadine è arrivato il momento della scelta. Abbiamo bisogno di capire se siete tutti e tutte con noi. Avvertiamo l'esigenza di sentirvi vicini. In quanto solo voi potete farci capire se possiamo andare avanti o meno. Siamo disposti anche a fare un passo indietro se voi lo vorrete. In quanto se la violenza comincia a colpire i nostri cari, io ho il dovere di preservarli. Come ho il dovere di preservare tutti quei ragazzi e ragazze che per la prima volta si sono affacciati al mondo della politica e che mi stanno supportando", continua.

"Queste sono state settimane molto tese a causa della situazione relativa ai rifiuti e al destino di questo paese. Proprio per questo motivo vi annunciamo che nei prossimi giorni scenderemo in piazza e vi informeremo su tutto quello che è accaduto. Avvertiamo il bisogno di raccontarvi tutto. Nel frattempo ci affidiamo alle indagini delle autorità competenti".

Argomenti
Condividi
In Evidenza
Attualità

Si può andare a caccia e in un altro comune: per la Regione è “stato di necessità” per l’equilibrio faunistico-venatorio

Ultime di Oggi
Potrebbe interessarti
In primo piano
Torna su

Canali

FoggiaToday è in caricamento