rotate-mobile
Cronaca Centro - Stazione / Viale XXIV Maggio

Torre Guiducci, Prefettura sbugiarda il Comune: “I 15 non erano abusivi”

Comune sgombera 15 extracomunitari dall'albergo diffuso, loro protestano su viale XXIV maggio. Aponte: "Sono rifugiati politici"

Non erano occupanti abusivi di Torre Guiducci i 15 extracomunitari, tra cui 3 minori, che ieri il Comune di Foggia, su provvedimento della Prefettura, ha sgomberato dall'albergo diffuso e che per qualche ora hanno protestato seduti su viale XXIV maggio.  A chiarire alcuni aspetti della vicenda è stato lo stesso ufficio di gabinetto della Prefettura di Foggia. "Si tratta di  persone con lo stato di rifugiati politici per i quali, tre mesi fa, d'intesa con lo stesso Comune si era deciso di alloggiare temporaneamente in quella struttura".

Il viceprefetto Daniela Aponte smentisce così quanto invece sostenuto ieri proprio da corso Garibaldi, che tramite il suo assessore ai servizi sociali, Pasquale Pellegrino, aveva parlato di occupanti abusivi dell'albergo diffuso per i quali si era reso necessario un provvedimento di sfratto. Niente affatto. Si tratta di persone con lo stato di rifugiati politici, ospitate in un primo momento presso il Cara di Borgo Mezzanone. “Ad un certo punto l’amministrazione comunale ci ha scritto chiedendo di sgomberare il gruppo di immigrati – precisa Aponte – ci siamo coordinati con le forze dell’ordine e abbiamo provveduto".

Foggia, viale della Stazione occupata: foto 5 febbraio 2013

"Si tratta di persone con lo stato di rifugiati politici, ecco perché il problema è stato trovare per loro una sistemazione". In particolare per le donne ed i bambini. Sempre il Comune di Foggia ieri chiariva che non poteva farsi carico dei minori dal momento che non si trattava di piccoli abbandonati. "Per noi erano minori a rischio - ribatte il viceprefetto - Abbiamo anche chiesto l'aiuto dei servizi sociali del Comune per trovare una sistemazione, ma hanno declinato la loro competenza". La sistemazione, alla fine, è arrivata anche se solo grazie alla disponibilità del parroco della chiesa della Madonna della Croce, dove le donne ed i bambini sono stati alloggiati per qualche giorno.

Sullo stesso argomento

In Evidenza

Potrebbe interessarti

Torre Guiducci, Prefettura sbugiarda il Comune: “I 15 non erano abusivi”

FoggiaToday è in caricamento