Devi disattivare ad-block per riprodurre il video.
Play
Replay
Play Replay Pausa
Disattiva audio Disattiva audio Disattiva audio Attiva audio
Indietro di 10 secondi
Avanti di 10 secondi
Spot
Attiva schermo intero Disattiva schermo intero
Skip
Il video non può essere riprodotto: riprova più tardi.
Attendi solo un istante...
Forse potrebbe interessarti...

Tre famiglie 'invisibili' e una donna disabile, il dramma dello sfratto dopo 27 anni e la paura di dormire in auto: "Aiuto!"

Gli invisibili della Vecchia Centrale Ortofrutticola di Corso del Mezzogiorno chiedono aiuto. Sgombero di tre famiglie rinviato al 5 marzo, è l'ultima proroga

 

"Nessuno sapeva nemmeno dell’esistenza di questa palazzina, a parte il Comune”. Sono gli invisibili che si annidano nelle pieghe - o meglio, nelle piaghe - dell'emergenza abitativa. Tre famiglie vivono nello stabile all’interno della vecchia centrale ortofrutticola di Corso del Mezzogiorno a Foggia dal 1993. Non risultato soltanto censiti, ma da 27 anni sono regolarmente residenti al civico 5. All'epoca, nonostante le occupazioni abusive, certe soluzioni erano evidentemente funzionali a tamponare l'emergenza casa. Da quindici anni hanno collezionato sfratti su sfratti: lo sgombero, in passato, è saltato per le condizioni di una persona allettata, che ora non c'è più. Quando il Comune ha cominciato a tagliare i fitti passivi, il locatore è passato a riscuotere e le famiglie non potevano permettersi i canoni di locazione.

"Mio marito me l’hanno fatto morire", è l'angosciante constatazione di Elisabetta, invalida al 100%. Nell'immobile ci sono bambini, disabili e una donna incinta. Muffa, intonaci pericolanti e impianti fognari malandati sono documentati all'interno di un faldone di carte. Gli inquilini non si spiegano perché occupino gli ultimi posti della graduatoria per l'housing sociale, oltre la posizione 1180, e si domandano, nell'infinita guerra tra poveri che si consuma in città, con quale criterio siano state stabilite le priorità, perché i baraccati dei container sì e loro no.

A febbraio è stato intimato l'ultimo sfratto: oggi polizia, carabinieri e municipale, con l'ausilio degli operatori del 118 e dei vigili del fuoco, si sono presentati alla porta, per eseguire lo sgombero e liberare gli appartamenti. Solo in tarda mattinata è stata concessa un'ulteriore proroga. Le operazioni sono state rinviate al 5 marzo. 

Un lasso di tempo in cui i familiari della donna invalida al 100%, a spese loro, dovranno cercarle una sistemazione in una struttura di cura. "Con 300 euro di pensione, che non bastano per le medicine", lamenta il figlio che chiede aiuto alla Regione e all'Arca Capitanata. Dal Comune si sono già sentiti rispondere che non ci sono alloggi disponibili. "Se ci sbattono fuori, finiremo a dormire in una Seicento". 

Potrebbe Interessarti

Torna su
FoggiaToday è in caricamento