menu camera rotate-device rotate-mobile facebook telegram twitter whatsapp apple googleplay
Immagine di repertorio

Immagine di repertorio

Lo scandalo che scuote Foggia. Atti sessuali con il parroco (filmato e ricattato). L'avv. Aiezza: "Vittima è il sacerdote"

Sulla vicenda, che ha scosso la città di Foggia, interviene l’avvocato Mario Aiezza, legale del parroco: "La posizione del mio assistito è stata archiviata, non sussistendo pertanto alcun dubbio su chi sia la vittima: il sacerdote"

Sesso e richieste estorsive in danno di un anziano sacerdote della Caritas diocesana. Sulla vicenda che ha scosso la città di Foggia, interviene l’avvocato Mario Aiezza, legale del prete. “Non è mio costume parlare di processi sui giornali, tanto più in una fase così embrionale qual è quella in cui si trova il procedimento oggetto di cotanta attenzione dalla giornata di ieri. Una vicenda in una fase tanto embrionale che neppure il sacerdote, nel pieno esercizio delle sue funzioni, era a conoscenza dell’azione penale da parte della Procura, non essendo l’avviso di conclusione delle indagini preliminari un atto da notificare alla persona offesa", spiega l'avvocato del foro di Foggia.

"Spiace, professionalmente oltre che deontologicamente, dover constatare che detta funzione notificatoria, non prevista, arrivi per altre vie, con una ribalta mediatica della notizia che pare quasi andare a concretizzare l’estorsione subita dal sacerdote", continua.

"Ad ogni modo, nonostante non ne condivida i mezzi, l’opportunità e le tempistiche, risulta doveroso intervenire sulla vicenda per esclusivo dovere difensivo nei confronti del mio assistito il quale, in questa vicenda, ha un solo ed unico ruolo, giuridicamente ad oggi incontrovertibile, ossia vittima del reato di estorsione posto in essere dagli odierni indagati".

"Qualsivoglia altra questione ha una sola unica sede naturale ove approfondirla e sviscerarla: il processo. Non certo i giornali. Una precisazione, però, risulta necessaria sin da subito, in ragione di quanto apparso sulla stampa locale. La posizione del mio assistito, con decreto del giudice delle indagini preliminari del 25 luglio 2018, che ha dichiarato inammissibile l’opposizione avanzata da uno degli odierni indagati, è stata archiviata, non sussistendo pertanto alcun dubbio, come contrariamente paventato, su chi sia la vittima in questa vicenda: il sacerdote". 

"Ed infine risulta essere stata chiarita, in quella medesima sede, a mezzo di consulenza psichiatrica disposta dalla Procura, la condizione di piena capacità di determinarsi in capo ad uno dei due indagati.  L’auspicio, dunque, è che il processo torni ad essere svolto nella sua sede naturale: l’aula del tribunale", conclude.

Argomenti
Condividi
In Evidenza
Attualità

Pio e Amedeo non l'hanno presa bene: "Non fate finta di non capire quello che abbiamo detto". Selvaggia Lucarelli: "Studiate"

Attualità

Pio e Amedeo tacciati di "superficialità" dalla comunità ebraica. Battute sull'avarizia? "Si radica razzismo che favorisce fenomeni più gravi"

Ultime di Oggi
Potrebbe interessarti
In primo piano
Torna su

Canali

FoggiaToday è in caricamento