Il sindaco D'Onofrio torna in libertà: revocati gli arresti domiciliari, obbligo di dimora nel Comune di Serracapriola

Il provvedimento del gip Domenico Zeno è di poco fa. D'Onofrio era stato arrestato lo scorso 20 novembre, accusato di abuso d'ufficio e concussione. L'avvocato Galasso: "Ora parleremo noi"

Revocata la misura cautelare degli arresti domiciliari al sindaco di Serracapriola, Giuseppe D’Onofrio. Lo ha deciso questa mattina il gip del Tribunale di Foggia, Domenico Zeno, che ha ritenuto così di accogliere l’istanza dell’avvocato del primo cittadino, Mercurio Galasso, sostituendola con l’obbligo di dimora, all’esito di un lungo interrogatorio di garanzia avvenuto lunedì scorso.

 In carica dal 2016, D’Onofrio era stato arrestato lo scorso 20 novembre con le accuse di concussione e abuso d’ufficio.  Soddisfatto per questo primo risultato il legale, che in mattinata ha rinunciato al Riesame. “E’ bene che si sappia – fa sapere a Foggiatoday- che chiederemo di essere ulteriormente ascoltati affinché chi lo sta accusando sia consapevole che non ci fermeremo. Ora diremo noi le nostre verità” dichiara sibillino.

In Evidenza

Potrebbe interessarti

I più letti della settimana

  • Scossa di terremoto in provincia di Foggia: l'epicentro a Carpino sul Gargano, il sisma di magnitudo 3.6

  • Terribile incidente sulla Statale 16: morto 36enne di Cerignola, fatale lo scontro tra auto e camion

  • Cacciatori tendono la trappola ai ladri di moto: in quattro tornano per recuperarle, ma vengono beccati e arrestati

  • San Severo come 'Gomorra': la pantera forse fuggita dalla residenza di un boss, si teme fuga verso altri comuni

  • Grave incidente stradale a Lucera, Lancia Musa si schianta contro un muretto: 22enne perde la vita

  • Bombe ed estorsioni, quattro arresti a Foggia. Sequestrati 11 ordigni e 'l'agenda' con nomi e cifre

Torna su
FoggiaToday è in caricamento