menu camera rotate-device rotate-mobile facebook telegram twitter whatsapp apple googleplay
Le reti sequestrate

Le reti sequestrate

Reti a strascico occultate in fondo al mare: scatta il sequestro a Torre Mileto

Il sequestro è stato effettuato a carico di ignoti. I militari operanti hanno sequestrato 3 reti a strascico complete di divergenti e relative catenarie occultate in mare a qualche miglio dalla costa

Reti a strascico occultate sul fondo del mare. Sono quelle scoperte e sequestrate a Torre Mileto, nell’ambito di una complessa operazione di polizia marittima finalizzata al contrasto dell’attività di pesca a strascico illegale, durante il periodo di fermo pesca, avviata dal 6° Centro di Controllo Area Pesca di Bari anche grazie alla proficua attività di indagine condotta dagli uomini dell’Ufficio circondariale marittimo di Vieste.

Il sequestro è stato effettuato a carico di ignoti. I militari operanti hanno sequestrato 3 reti a strascico complete di divergenti e relative catenarie occultate in mare a qualche miglio dalla costa al largo di Torre Mileto. Durante la stessa operazione è stato sanzionato il comandante e l’armatore di un peschereccio sorpreso in attività di pesca a strascico illegale, con il contestuale sequestro dell’attrezzo e del pescato oltre che l’assegnazione di 6 punti per infrazione grave.

L’articolata attività di intelligence ha permesso di ricostruire le modalità di tale tipo di pesca illegale. Le unità da pesca in questione, non aderendo all’attuale fermo pesca (in corso dal 16 agosto 2015 al 27 settembre 2015 per tutti i compartimenti marittimi da Pesaro e Bari) optando per la pesca con sistemi diversi dallo strascico, si spostavano di notte a qualche miglio dalla costa per effettuare la pesca a strascico lasciando, per eludere i controlli, sul fondo del mare tutta l’attrezzatura vietata segnalandola con semplici gavitelli.

L’intervento di un pattugliatore di altura partito dalla Capitaneria di porto di Bari, dotato di idoneo dispositivo salpa reti, di una motovedetta costiera e di un battello pneumatico contestualmente al supporto di personale a terra, ha permesso, così, di rintracciare i segnali sotto cui si celavano le reti in questione e, quindi, procedere al sequestro delle stesse oltre che sorprendere il motopesca durante l’attività illecita. E’ importante precisare che il fermo pesca nasce dall’esigenza di rafforzare la tutela della risorsa e garantire un migliore equilibrio tra le risorse biologiche e l’attività di pesca.

Argomenti
Condividi
In Evidenza
Attualità

"Compro 3mila dosi del vaccino Sputnik con la mia indennità"

Attualità

L'impianto di compostaggio di San Severo si farà: ha vinto Saitef, il Consiglio di Stato certifica il 'pasticcio' del Comune

Ultime di Oggi
Potrebbe interessarti
In primo piano
Torna su

Canali

FoggiaToday è in caricamento