Foggia e il "tesoro" ritrovato: recuperati 548 reperti archeologici, denunciati 21 tombaroli

Attività condotta dai carabinieri del Nucleo Tutela Patrimonio Culturale di Bari e Napoli, unitamente ai colleghi del comando provinciale di Foggia. Si tratta di beni appartenenti

Carabinieri Nucleo CC TPC

Un “tesoro” dall’inestimabile valore storico-archeologico, espressione concreta e tangibile dell’eredità culturale della terra di Puglia in generale, e dell’area foggiana in particolare. Si tratta dei numerosi reperti archeologici recuperati e sequestrati dai carabinieri del Nucleo Tutela Patrimonio Culturale di Bari e Napoli, unitamente ai colleghi del comando provinciale di Foggia che hanno disarticolato una ben radicata organizzazione che si occupava degli scavi clandestini in provincia di Foggia e che poi piazzava quanto recuperato sul mercato illegale nazionale, grazie ad intermediari napoletani.

Per il fatto sono stati denunciati 21 “tombaroli” ritenuti a vario titolo responsabili di ricettazione, ricerche archeologiche non autorizzate ed impossessamento illecito di beni culturale di proprietà dello Stato. Sono 548 in tutto, invece, i reperti recuperati. Si tratta di reperti archeologici integri e frammenti, reperti fossili, monete e oggetti in metallo risalenti al V-IV- e IV-III secolo a.C. recuperati in zone ancora inesplorate ed afferenti i numerosi siti archeologici che insistono nel Foggiano.

L’attività - condotta dal nucleo dell’Arma specializzato nel contrasto dei reati ai danni del patrimonio culturale nazionale - è nata dalle continue segnalazioni di scavi clandestini pervenute nell’ultimo anno sia dalla Soprintendenza dei beni archeologici che da semplici cittadini e dalla conseguente esigenza di contrastare il fenomeno del trafugamento di importanti reperti archeologici, testimonianze degli antichi insediamenti del V – IV sec. a .C in Puglia e soprattutto nell’area foggiana, culla della cultura dauna.

Ventuno i soggetti denunciati, la metà dei quali già con precedenti specifici. Si tratta di 17 soggetti di Orta Nova, Ordona, Stornarella e Ascoli Satriano con un ruolo attivo nella ricerca dei reperti e nell’attività di scavo, e quattro campani che, secondo gli inquirenti, tenevano i contatti con i ricettatori su scala nazionale.

La mole di reperti e il terriccio ancora fresco che li ricopriva lascia prefigurare una preoccupante frequenza di scavi non autorizzati, effettuati senza le necessarie autorizzazioni ed eseguito con metodi approssimativi e mezzi meccanici (dai classici “spilloni” a più moderni metal detector e georadar) che potevano danneggiare irrimediabilmente quanto recuperato.

Al termine del blitz, i militari hanno repertato 91 pezzi integri in ceramica tra olle acrome, brocche a vernice rossa, kylix, lekythos a vernice nera e coppette del IV–III sec. a.C, 38 frammenti di reperti archeologici e 37 fossili, 42 oggetti in metallo come fibule, anelli, pesi da telaio e statuette votive oltre 340 monete di natura archeologica, in argento e bronzo, risalenti varie epoche e materiali ed attrezzature da scavo. Impossibile quantificare il valore effettivo di quanto sequestrato nei 21, tra appartamenti privati, depositi e garage perquisiti nel corso dell’attività; il “prezzo” – assolutamente sottostimato – fatto dai ricettatori, invece, sarebbe stato di 100mila euro. Il cospicuo patrimonio culturale trafugato dai “tombaroli” e recuperato dai carabinieri sarà restituito già nelle prossime ore alla Soprintendenza per i Beni Archeologici.

Devi disattivare ad-block per riprodurre il video.
Play
Replay
Play Replay Pausa
Disattiva audio Disattiva audio Disattiva audio Attiva audio
Indietro di 10 secondi
Avanti di 10 secondi
Spot
Attiva schermo intero Disattiva schermo intero
Skip
Il video non può essere riprodotto: riprova più tardi.
Attendi solo un istante...
Forse potrebbe interessarti...

In Evidenza

Potrebbe interessarti

I più letti della settimana

  • Terribile incidente stradale sulla A14 nel Foggiano: morto intrappolato tra le fiamme il conducente di un camion

  • Omicidio a Cerignola: uccisa donna di 41 anni in via Fabriano, il marito il principale indiziato del delitto

  • A Vieste l'alloggio è gratis: appartamento fronte mare in cambio di 5 ore al giorno con i cani dell'oasi

  • Ultima ora: 12 arresti nell'operazione 'Turn-over'. Sgominato traffico di droga, metodi mafiosi e armi a Trinitapoli

  • Tragedia a Mattinata: 45enne morto per annegamento

  • Per i clienti di un locale il conto è salato: titolare strattonata e presa a schiaffi, indaga la polizia di San Severo

Torna su
FoggiaToday è in caricamento