Bari: sequestrate 11 tonnellate di rame provenienti da Foggia

Azienda di rottamazione trasformata in centrale del rame. Lo hanno scoperto la Polfer e la Forestale. Denunciati due fratelli. Gran parte del quantitativo sequestrato proviene dalla provincia foggiana

Cavi di rame

Undici tonnellate è il quantitativo di rame sequestrato dalla Polfer di Bari e dal Corpo Forestale dello Stato in un’azienda di rottamazione, i cui proprietari, due fratelli, sono stati denunciati con l’accusa di riciclaggio e ricettazione.

Accumulato il meno di quattro mesi, il sequestro risulta il più grosso realizzato negli ultimi 5 anni. La maggior parte del rame, hanno sottolineato il dirigente della Polizia Ferroviaria, Giovanni Aliquò e il comandante provinciale del Corpo Forestale dello Stato, Giovanni Misceo, proviene dalla provincia di Foggia, terra di conquista dei predatori del metallo venduto a 3 euro al kg.

L'area di 4000 mq – già controllata con esito negativo nel mese di giugno - è stata sequestrata per violazioni ambientali. "Un'azione che si colloca nell'ambito di un servizio interforze alla quale seguiranno altre" ha anticipato Misceo.


 

In Evidenza

Potrebbe interessarti

I più letti della settimana

  • La Puglia torna in zona arancione. Conte firma il nuovo Dpcm: restrizioni fino al 5 marzo, riecco la scuola in presenza

  • Scuola, si cambia di nuovo: "Superiori in Ddi al 100% per una settimana, elementari e medie in presenza (con ddi a scelta)”

  • Puglia in zona gialla 'rinforzata' fino al 15 gennaio: cosa è concesso fare (e cosa no)

  • La Puglia verso la zona arancione

  • Orrore nelle campagne di Cagnano, lupo trovato impiccato a un albero

  • Addio a Padre Marciano Morra: per 20 anni fu amico e confratello di Padre Pio

Torna su
FoggiaToday è in caricamento