Pesce spada neonati pescati sul Gargano: scatta il sequestro al porto di Vieste

A finire nella rete dell’unità da pesca proveniente da Trani, tre esemplari di lunghezza pari a 1,07 mt, quando la taglia minima è pari a 140 cm, compresa la spada

Uno degli esemplari sequestrati

Sequestrati tre esemplari di pesce spada a bordo di un peschereccio iscritto a Trani, che aveva appena ormeggiato nel porto di Vieste, sul Gargano. E’ l’operazione messa a segno nel tardo pomeriggio di ieri dai militari della Capitaneria di Porto – Guardia Costiera di Manfredonia nell’ambito di una efficace azione di repressione della commercializzazione illegale di prodotti ittici sottomisura.

Nel dettaglio, è stato effettuato un consistente sequestro di pescato al di sotto della taglia minima pronto per essere immesso sul mercato: tre esemplari di pesce spada al di sotto della taglia minima sono stati trovati a bordo di un peschereccio iscritto a Trani, che aveva appena ormeggiato nel Porto di Vieste. A finire nella rete del tipo volante dell’unità da pesca sono stati tre esemplari di pesce spada di lunghezza pari a 1,07 mt, quando la taglia minima della stessa specie è pari a 140 cm, compresa la spada.

Il risultato dell’operazione è da attribuire alla capacità investigativa degli uomini del Nucleo di Polizia Giudiziaria della Capitaneria di Porto di Manfredonia, che ormai da tempo stavano monitorando, a mezzo sistemi informatici e satellitari in dotazione, rotte e ormeggi di alcuni motopesca che dal barese sbarcavano sistematicamente nel porto della cittadina garganica.

Devi disattivare ad-block per riprodurre il video.
Play
Replay
Play Replay Pausa
Disattiva audio Disattiva audio Disattiva audio Attiva audio
Indietro di 10 secondi
Avanti di 10 secondi
Spot
Attiva schermo intero Disattiva schermo intero
Skip
Il video non può essere riprodotto: riprova più tardi.
Attendi solo un istante...
Forse potrebbe interessarti...

Il pescato è stato affidato temporaneamente al Servizio Veterinario dell’ASL FG Area B – Distretto di Vieste. L’attività di repressione posta in essere dagli uomini della Guardia Costiera sipontina contro gli illeciti in materia di pesca e commercializzazione illegale di prodotti ittici sottomisura proseguirà incessante anche nei prossimi giorni in tutta la provincia di Foggia, allo scopo di garantire il rispetto delle leggi e tutelare la salute degli inconsapevoli consumatori.

In Evidenza

Potrebbe interessarti

I più letti della settimana

  • Coronavirus, ordinanza di Emiliano sulle scuole: da lunedì sospese le lezioni in presenza per le ultime tre classi

  • 423 contagiati a Foggia, Landella firma l'ordinanza: vie e piazze della movida "chiuse" dopo le 21 nel fine settimana

  • "Che ore sono?", poi scatta la violenza: in cinque aggrediscono ragazzo in centro. "Togli la mascherina quando parli con noi"

  • In serata il nuovo Dpcm Conte: stretta sulla movida e ipotesi coprifuoco. A rischio sport dilettantisti, cinema e teatro

  • Coronavirus: sfondata quota 350 contagiati in un giorno in Puglia. I nuovi positivi in Capitanata sono 89

  • Coronavirus: 75 casi in provincia di Foggia, in Puglia sono 301 e tre morti

Torna su
Devi disattivare ad-block per riprodurre il video.
Play
Replay
Play Replay Pausa
Disattiva audio Disattiva audio Disattiva audio Attiva audio
Indietro di 10 secondi
Avanti di 10 secondi
Spot
Attiva schermo intero Disattiva schermo intero
Skip
Il video non può essere riprodotto: riprova più tardi.
Attendi solo un istante...
Forse potrebbe interessarti...
FoggiaToday è in caricamento