Blitz della polizia in via Monte San Michele: scoperta l'industria del tarocco

Maxi-sequestro degli agenti delle volanti di Foggia. Scarpe, felpe, occhiali, cd e dvd contraffatti scoperti in un appartamento alle spalle della villa comunale. Due persone denunciate

FOTO R. D'AGOSTINO

Una vera e propria industria del falso. Circa 8000 pezzi - giubbotti, tra scarpe, felpe, occhiali, cd e dvd piratati - sono stati sequestrati dagli agenti della sezione volanti della questura di Foggia all’interno di un appartamento al terzo piano di via Monte San Michele, a Foggia, alle spalle della villa comunale.

Un sequestro ingente, che comprende anche alcune macchine da cucire, capi neutri (sui quali applicare la griffe replicata ad arte) e una vasta scelta di loghi ricamati o termo adesivi per taroccare la merce. Tutto è partito nel pomeriggio di ieri. Erano le 15 quando una pattuglia della polizia ha notato strani passaggi di merce in piazza Umberto Giordano.

Alla vista della polizia, i due - un cittadino senegalese ed un algerino - si sono immediatamente allontanati cercando di far perdere le proprie tracce, ma sono stati intercettati poco dopo nei pressi di un cortile in via Monte San Michele. Qui, al terzo piano, vi era l’industria del falso. Gli occupanti dell’appartamento si sono barricati all’interno cercando di liberarsi di quanto possibile, disfacendo - verosimilmente - sostanze non ancora identificate in una soluzione di acqua e varechina, lanciata a secchiate da una finestra.

Dopo aver ricevuto le autorizzazioni necessarie, la polizia ha deciso di forzare l’appartamento chiedendo il supporto di una squadra dei vigili del fuoco. Una volta introdotti nell’appartamento, gli agenti hanno trovato sette cittadini senegalesi, due dei quali – i titolari del regolare contratto d’affitto – si sono accollati tutte le responsabilità e sono stati denunciati a piede libero.

All’interno dell’appartamento, circa 8000 pezzi. La polizia ha lavorato tutta la notte per inventariare e catalogare la merce sequestrata. Sull’accaduto, sono in corso ulteriori indagini: al momento non si esclude che, in quell’appartamento, vi fosse un vero e proprio ingrosso per la merce piratata o taroccata, dove gli ambulanti potessero scegliere, ordinare ed acquistare, di volta in volta, la merce da rivendere sul mercato irregolare.

Devi disattivare ad-block per riprodurre il video.
Play
Replay
Play Replay Pausa
Disattiva audio Disattiva audio Disattiva audio Attiva audio
Indietro di 10 secondi
Avanti di 10 secondi
Spot
Attiva schermo intero Disattiva schermo intero
Skip
Il video non può essere riprodotto: riprova più tardi.
Attendi solo un istante...
Forse potrebbe interessarti...

In Evidenza

Potrebbe interessarti

I più letti della settimana

  • Coronavirus, ordinanza di Emiliano sulle scuole: da lunedì sospese le lezioni in presenza per le ultime tre classi

  • 423 contagiati a Foggia, Landella firma l'ordinanza: vie e piazze della movida "chiuse" dopo le 21 nel fine settimana

  • "Che ore sono?", poi scatta la violenza: in cinque aggrediscono ragazzo in centro. "Togli la mascherina quando parli con noi"

  • In serata il nuovo Dpcm Conte: stretta sulla movida e ipotesi coprifuoco. A rischio sport dilettantisti, cinema e teatro

  • Coronavirus, l'avanzata dei contagi preoccupa la Puglia: "Si deve uscire solo per lavorare, istruirsi o altre gravi necessità"

  • Ecco la bozza del nuovo Dpcm: bar e ristoranti chiusi alle 18. Stop a palestre e piscine

Torna su
Devi disattivare ad-block per riprodurre il video.
Play
Replay
Play Replay Pausa
Disattiva audio Disattiva audio Disattiva audio Attiva audio
Indietro di 10 secondi
Avanti di 10 secondi
Spot
Attiva schermo intero Disattiva schermo intero
Skip
Il video non può essere riprodotto: riprova più tardi.
Attendi solo un istante...
Forse potrebbe interessarti...
FoggiaToday è in caricamento