Devi disattivare ad-block per riprodurre il video.
Play
Replay
Play Replay Pausa
Disattiva audio Disattiva audio Disattiva audio Attiva audio
Indietro di 10 secondi
Avanti di 10 secondi
Spot
Attiva schermo intero Disattiva schermo intero
Skip
Il video non può essere riprodotto: riprova più tardi.
Attendi solo un istante...
Forse potrebbe interessarti...

Sigilli all'ex Hotel President: è il Comune di Foggia che dovrà mettere fine alla 'bomba ecologica" di viale degli Aviatori

Questa mattina la squadra mobile della questura di Foggia ha eseguito il sequestro penale dell'area dell'Hotel president di viale degli Aviatori per effetto del decreto del Gip del tribunale del capoluogo dauno. Sul posto, oltre agli agenti, anche gli uomini della Guardia di Finanza e della polizia locale. Al momento del blitz all'interno non c'era nessuno.

 

Questa mattina il personale della questura di Foggia, dei carabinieri, della guardia di finanza e della polizia locale hanno eseguito lo sgombero dell’area relativa all’ex Hotel President. Per garantire una maggiore sicurezza, alle operazioni di sgombero ha preso parte anche il personale dei vigili del fuoco con un mezzo antincendio e il personale sanitario del 118.

In stato di abbandono da tantissimi anni - il cui degrado è stato più volte denunciato anche su queste colonne - gli spazi della strutttura vengono saltuariamente occupati abusivamente da soggetti senza fissa dimora che si introducono dentro attraverso gli spazi creati sulla recinzione metallica.

L’attività si è resa necessaria in quanto gli agenti della squadra mobile hanno dato esecuzione ad un decreto di sequestro preventivo del complesso immobiliare emesso dall’ufficio Gip del Tribunale di Foggia, su richiesta della locale Procura della Repubblica.

Il provvedimento è scaturito da denunce da parte di cittadini residenti nella zona che hanno lamentato lo stato di abbandono in cui l’immobile versa, divenuto una bomba ecologica in quanto a causa dei rifiuti abbandonati all’interno dell’area, il complesso si è trasformato in una discarica a cielo aperto.

In più di una occasione si sono verificati incendi dai quali sono scaturite colonne di fumo maleodoranti ed altamente inquinanti, dannose per la salute pubblica.

Nonostante le numerose diffide dei privati non risultano interventi da parte della pubblica autorità, pertanto, al fine di interrompere la  situazione di degrado ed illegalità, l’autorità giudiziaria è intervenuta con un provvedimento di sequestro e contestuale affidamento in giudiziale custodia del bene al sindaco del Comune di Foggia affinché adotti i necessari provvedimenti di ripristino dell’area.

Potrebbe Interessarti

Torna su
FoggiaToday è in caricamento