Tonnellate d'eternit e pneumatici in grotte e anfratti naturali: sequestrata maxi-discarica abusiva

Un'area di 23.000 metri quadri, in località Monte Aquilone a Manfredonia, che accoglieva pericolosi rifiuti speciali. Operazione portata a termine degli uomini della Sezione Operativa Navale della GdF

Immagine di repertorio

Tonnellate di pneumatici e lastre di eternit nascoste in anfratti e grotte sono state scoperte dai militari della Sezione Operativa Navale della Guardia di Finanza di Manfredonia, in provincia di Foggia, che hanno individuato e sequestrato un'area di 23.000 metri quadri, in località Monte Aquilone, utilizzata come discarica di rifiuti speciali.

In particolare, le Fiamme Gialle hanno effettuato una serie di perlustrazioni in alcune zone dell'agro, in relazione alle quali era giunta notizia dell'esistenza di possibili depositi di ingenti materiali di scarto e rifiuti anche pericolosi. Sul terreno erano state abbandonate diverse tonnellate di pneumatici, lastre di eternit, ed altro materiale nocivo per la salute e per l'ambiente.

IL VIDEO DELL'OPERAZIONE: CLICCA QUI

Gran parte del quantitativo di rifiuti speciali è stato trovato all'interno di grotte e profonde spaccature che caratterizzano il territorio. L'intervento del Corpo, quindi, ha scongiurato il rischio che tali anfratti potessero essere ricoperti per cancellare le tracce del reato.

Devi disattivare ad-block per riprodurre il video.
Play
Replay
Play Replay Pausa
Disattiva audio Disattiva audio Disattiva audio Attiva audio
Indietro di 10 secondi
Avanti di 10 secondi
Spot
Attiva schermo intero Disattiva schermo intero
Skip
Il video non può essere riprodotto: riprova più tardi.
Attendi solo un istante...
Forse potrebbe interessarti...

Immediatamente attivata dalla Guardia di Finanza, l'Arpa Puglia sta procedendo alla catalogazione dei rifiuti e all'analisi del rischio inquinamento e conseguentemente saranno valutati gli interventi di bonifica più appropriati per i quali le Fiamme Gialle hanno già interessato il Comune di Manfredonia per procedere al recupero e al corretto smaltimento o riciclo del materiale. Nel frattempo, proseguono le indagini per individuare la provenienza dell'enorme quantitativo di rifiuti e i responsabili del reato di inquinamento ambientale.

In Evidenza

Potrebbe interessarti

I più letti della settimana

  • Coronavirus, ordinanza di Emiliano sulle scuole: da lunedì sospese le lezioni in presenza per le ultime tre classi

  • 423 contagiati a Foggia, Landella firma l'ordinanza: vie e piazze della movida "chiuse" dopo le 21 nel fine settimana

  • "Che ore sono?", poi scatta la violenza: in cinque aggrediscono ragazzo in centro. "Togli la mascherina quando parli con noi"

  • In serata il nuovo Dpcm Conte: stretta sulla movida e ipotesi coprifuoco. A rischio sport dilettantisti, cinema e teatro

  • Coronavirus, l'avanzata dei contagi preoccupa la Puglia: "Si deve uscire solo per lavorare, istruirsi o altre gravi necessità"

  • Coronavirus: 75 casi in provincia di Foggia, in Puglia sono 301 e tre morti

Torna su
Devi disattivare ad-block per riprodurre il video.
Play
Replay
Play Replay Pausa
Disattiva audio Disattiva audio Disattiva audio Attiva audio
Indietro di 10 secondi
Avanti di 10 secondi
Spot
Attiva schermo intero Disattiva schermo intero
Skip
Il video non può essere riprodotto: riprova più tardi.
Attendi solo un istante...
Forse potrebbe interessarti...
FoggiaToday è in caricamento