Antibracconaggio, cinque cacciatori sorpresi nel Parco: sequestrati fucili, cartucce e richiami magnetici

I fatti si sono verificati in località ‘Cauto’ in agro di Lesina, ‘Calenella’ e ‘Gadescia’ in agro di Vico del Gargano e ‘Ippocampo’ in agro di “Manfredonia

I fucili sequestrati

La settimana scorsa i Carabinieri Forestali dipendenti dal Reparto Parco Nazionale del Gargano affiancati dai colleghi della Sezione Operativa Antibracconaggio e Reati in danno degli animali (SOARDA), sono stati impegnati in un’intensa attività di antibracconaggio su tutta l’area Parco, al fine di garantire la tutela e la protezione del patrimonio faunistico quale bene ambientale di interesse internazionale, nazionale e regionale.

L’azione ha portato al deferimento all’A.G. di cinque soggetti per diverse violazioni sulle leggi ed i regolamenti che disciplinano l’attività venatoria, al sequestro di fucili, cartucce e richiami magnetici. I fatti si sono verificati in località ‘Cauto’ in agro di Lesina, ‘Calenella’ e ‘Gadescia’ in agro di Vico del Gargano e ‘Ippocampo’ in agro di “Manfredonia.

Nonostante l’implementazione di tali servizi di vigilanza venatoria e l’inasprimento delle sanzioni stabilite dalla recente legge regionale 59/2017, sono ancora diverse le persone che continuano imperterrite a violare scientemente le norme di tutela della fauna selvatica, le misure di salvaguardia del Parco Nazionale e le misure di conservazione delle Zone di Protezione Speciale (ZPS) e dei Siti di Interesse Comunitario (SIC). L’azione di contrasto a tali di forme illecite di esercizio dell’attività di caccia continuerà a cura dei carabinieri forestali con maggiore incisività nelle aree protette e nei boschi percorsi dal fuoco.

Potrebbe interessarti

I più letti della settimana

  • Incidente mortale nel Foggiano: marito e moglie perdono la vita in un terribile impatto sulla Sp 141

  • Macabra scoperta nel Foggiano: recuperato un corpo carbonizzato dentro un'auto, vittima di un incidente stradale

  • Arrestati Angelo e Napoleone Cera: sono accusati di concussione

  • Coro ai diffidati e 'Quarta Mafia', Pio e Amedeo sbottano: "Ci siamo rotti le palle della facilità di giudizio sulla nostra terra"

  • Ha una crisi e distrugge casa, sedato e portato in ospedale muore poco dopo: è giallo sulle cause del decesso

  • Maxi furto nel caveau dell'Unicredit a Foggia: svaligiate 300 cassette di sicurezze ma non ci sarà nessun colpevole

Torna su
FoggiaToday è in caricamento