menu camera rotate-device rotate-mobile facebook telegram twitter whatsapp apple googleplay

Sequestro d'urgenza a Mattinata: sigilli nel depuratore acque reflue, letti essiccazione fanghi per 125 metri cubi

Gli accertamenti ambientali all’interno del depuratore, erano finalizzati alla verifica del corretto funzionamento del ciclo depurativo e del corretto smaltimento dei rifiuti prodotti

I militari della guardia costiera di Manfredonia dell'aliquota del nucleo pperativo di polizia ambientale della direzione marittima di Bari, sentito il magistrato di turno della procura della Repubblica di Foggia, hanno proceduto al sequestro penale di quattre letti di essiccazione fanghi di depurazione presenti all’interno del depuratore di acque reflue ubicato in località 'Masseria Liberatore' nel comune di Mattinata.

E' stato accertato e verificato che i letti in questione erano interessati dalla presenza di fanghi, in alcuni casi sormontati da folta vegetazione, circostanza che lascia supporre che i fanghi siano stati depositati per un lungo periodo di tempo, per complessivi stimati 125 metri cubi, superando nel complesso i limiti di deposito temporaneo previsti dal Testo Unico Ambientale che prevedono un limite di 30 metri cubi.

Gli accertamenti ambientali all’interno del depuratore erano finalizzati alla verifica del corretto funzionamento del ciclo depurativo e del corretto smaltimento dei rifiuti prodotti.

Giusta richiesta di convalida dell’ufficio di procura, il giudice per le indagini preliminari del tribunale di Foggia ha emesso una ordinanza di convalida del sequestro d’urgenza operato dal personale della guardia costiera con contestuale emissione di proprio decreto di sequestro preventivo.

Nominato il custode delle cose sequestrate, senza facoltà d’uso, un funzionario responsabile della società acquedotto pugliese spa che gestisce l’impianto di depurazione per conto del Comune di Mattinata.

L’attività di monitoraggio ambientale della capitaneria di porto di Manfredonia ha, quale obiettivo primario, quello di verificare lo stato delle acque marine e della costa, attraverso la rilevazione degli inquinamenti presenti, con l’individuazione delle relative fonti, nonché l’accertamento, anche in forma preventiva, di fattispecie potenzialmente pericolose.

Argomenti
Condividi
In Evidenza
Attualità

La strega comanda color color...rosso!

Attualità

Il Governo reintroduce la zona gialla e riapre le attività all'aperto. Il premier Draghi: "Rischio ragionato su dati in miglioramento"

Ultime di Oggi
Potrebbe interessarti
In primo piano
Torna su

Canali

FoggiaToday è in caricamento