menu camera rotate-device rotate-mobile facebook telegram twitter whatsapp apple googleplay
Divisione di polizia amministrativa e sociale

Divisione di polizia amministrativa e sociale

Foggia, sequestrato l’ex Mojito: licenze sospese a nove circoli privati

"L'Angolo" considerato base di un'organizzazione criminale. Blitz in 5 locali di Foggia, tre di Manfredonia e uno di San Giovanni Rotondo

Sulla carta figurano come circoli privati, in realtà sono veri e propri locali che, in alcuni casi, prevedono anche intrattenimento musicale e servizio ristorazione e bar. Da tempo ormai, la Divisione di polizia amministrativa e sociale della questura di Foggia sta attenzionando il mondo dei circoli privati, realtà che presentano numerosi punti di criticità – sia da un punto di vista formale che sostanziale – in merito alla loro gestione. Problematiche che non riguardano solo la questione normativa, ma che investono direttamente l’ordine e la sicurezza pubblica.

I BLITZ |  Nel corso dell’ultima settimana sono stati numerosi i controlli effettuati tra Foggia, Manfredonia e San Giovanni Rotondo. Nell’ambito di tali attività, la polizia ha provveduto al sequestro del circolo privato “Bahia Social Club” (ex Mojito) in viale Virgilio, al quartiere Cep, a Foggia.

Come è stato appurato dagli inquirenti, la notte di Halloween il circolo privato era stato trasformato di fatto in una discoteca: almeno un migliaio di persone all’interno della struttura – un capannone alla periferia della città – e un centinaio di ragazzi in coda all’ingresso.

L’accesso al locale era consentito previo pagamento di un biglietto d’ingresso a fronte del quale veniva rilasciata anche la tessera di adesione (in qualità di “socio”) al circolo. Si tratta di una modalità di accesso assolutamente in contrasto con le norme che regolano la vita dei circoli privati, in questo caso trasformato in una vera e propria discoteca abusiva.

“E’ necessario mettere ordine nel mondo dei ‘circoli privati’”, ha spiegato il dirigente della Divisione amministrativa Raffaele Ceriello, i cui uomini, durante l’intervento, hanno accertato come il locale fosse “privo delle relative autorizzazioni e di qualsiasi certificazione di sicurezza” il che avrebbe potuto mettere in pericolo la sicurezza dei partecipanti all’evento.

Nell’ambito della stessa attività di prevenzione e controllo, sono state sospese, di propria iniziativa o su segnalazione delle forze dell’ordine operanti in provincia, le licenze amministrative di altri nove circoli privati: 5 solo a Foggia (“L’Angolo” in via Fiore, “La Passatella” in via Bucci, “Che Guevara” in via Castrillo, “Euroclub” in via Matteotti e  “San Guglielmo” in via Crostarosa), tre a Manfredonia (“Panze scozzesi”, “Beverly Hills” e “Donia”) e uno a San Giovanni Rotondo (“Friends Sport”) per un periodo variabile da 15 giorni a 4 mesi.

I provvedimenti derivano dal fatto che tali locali erano frequentati con assiduità da pregiudicati. “Uno di questi circoli, “L’Angolo” in particolare, – sottolinea il dirigente Ceriello - è risultato essere la base di una organizzazione dedita alla commissione di reati, sgominata nei giorni scorsi dalla squadra mobile foggiana”.

BLITZ DI HALLOWEEN: IL VIDEO

Per due circoli privati – “Donia” e “Panze scozzesi” – invece, è stata proposta al prefetto la revoca della licenza. I controlli hanno interessato anche altri locali del centro storico foggiano e manfredoniano, per  verificare il rispetto dell’orario in cui, in virtù di apposita ordinanza comunale, deve cessare ogni forma di emissione sonora.

Anche in questo caso, grazie soprattutto alle segnalazione dei cittadini, sono state elevate negli ultimi mesi decine di sanzioni amministrative e sono state inoltrate al Comune le proposte per la sospensione delle licenze amministrative dei trasgressori.

 

Argomenti
Condividi
In Evidenza
Ultime di Oggi
Potrebbe interessarti
In primo piano
Torna su

Canali

FoggiaToday è in caricamento