Svastiche e frasi inneggianti al Duce sulla sede Cgil di Borgo Mezzanone: "Un attacco alla sede simbolo di integrazione"

La denuncia dei segretari generali della Cgil Puglia e della Camera del Lavoro: "Domani a Cerignola per ricordare Di Vittorio e il nostro essere antifascisti"

“Appena ieri sera, ospite della trasmissione Rai ‘Che tempo che fa?’, il nostro segretario generale Maurizio Landini è tornato a chiedere lo scioglimento di organizzazioni e aggregati neofascisti, gli stessi che in questi giorni provano a infiltrarsi e cavalcare in modo violento il disagio sociale e le manifestazioni di protesta di chi sta patendo economicamente la crisi legata alla pandemia. Le stesse mani vigliacche che notte tempo hanno omaggiato la Camera del Lavoro di Borgo Mezzanone di scritte e simboli inneggianti al fascismo e al nazismo. Un atto ignobile che arriva a ridosso dell’anniversario della scomparsa di Giuseppe Di Vittorio, il padre del sindacato italiano, indomito antifascista, che per questo ha patito restrizioni e persecuzioni della dittatura, fino al determinante contributo dato alla Resistenza e alla Lotta di Liberazione”.

cgil 2-2

È quanto denunciano in una nota congiunta i segretari generali della Cgil Puglia, Pino Gesmundo, e della Camera del Lavoro di Foggia, Maurizio Carmeno. “Provvederemo a denunciare alle autorità competenti l’accaduto, continuando a manifestare perplessità circa la tolleranza che le istituzioni statali concedono a tali aggregati: non può essere il gioco semantico di richiamo o meno al disciolto partito neofascista a impedire provvedimenti legislativi forti e definitivi contro chi al fascismo inneggia, pubblicamente. Va da sé che la Cgil, il mondo del lavoro, baluardo da sempre di democrazia e antifascismo, valori costituzionali incisi nel dna della stessa organizzazione, non si faranno intimidire da chi agisce di notte in modo vigliacco, come da tradizione. Colpendo un luogo simbolo della partecipazione e dell’integrazione, la sede della Camera del Lavoro che abbiamo voluto aprire in una borgata che rientra nel Comune di Manfredonia ma più prossima alla città capoluogo, dove insiste la presenza del più grande insediamento spontaneo di immigrati, caratterizzato da condizioni di vita non tollerabili, pericoloso per chi ci vive e luogo concentrazionario dove imperversano caporali e organizzazioni criminali. La sede Cgil di Borgo Mezzanone ha voluto rappresentare il segno concreto di vicinanza ai lavoratori e ai cittadini italiani e stranieri, contro chi soffia sul disagio per alimentare xenofobia, razzismi, divisioni. Siamo a Borgo Mezzanone per dare sostegno ai lavoratori e ai cittadini e rivendicare per tutti condizioni di lavoro e di vita più degne”.

Scritte e simboli inneggianti al nazifascismo che arrivano come detto il giorno che precede il 63esimo anniversario della morte di Di Vittorio. “La giornata di domani assume allora ancor più valore, e nonostante le restrizioni legate alle necessarie misure di prevenzione del Covid, saremo a Cerignola per deporre una corona di fiori al monumento che il sindacato mondiale donò alla città natale un anno dopo la scomparsa del dirigente della Cgil. Nel nome di Di Vittorio continueremo a rivendicare – soprattutto in una fase difficile come quella che stiamo vivendo - centralità del lavoro, sostegno a chi di più sta soffrendo gli effetti della crisi, investimenti per creare occupazione soprattutto al Sud, ma anche per rinnovare il patto con i valori fondanti della nostra carta costituzionale, tra i quali c’è l’antifascismo”.

L’appuntamento è per domani 3 novembre alle ore 10 a Cerignola, sotto il murale dedicato a Di Vittorio, situato sulla rotonda di Via Bologna, vicino al Piano delle Fosse Granarie. A seguire i segretari Gesmundo e Carmeno terranno una conferenza stampa presso la sede della Camera del Lavoro di Borgo Mezzanone dalle ore 11. Il tutto avverrà nel rispetto delle misure di sicurezza e prevenzione anti Covid.

In Evidenza

Potrebbe interessarti

I più letti della settimana

  • Sangue nel cuore della movida, colpita con i vetri di una bottiglia e sfregiata a vita: arrestata ragazza di 20 anni

  • Grave episodio in zona via Lucera: auto imbrattata con frasi, disegni volgari e sigle contro la polizia

  • Attimi di terrore in un supermercato: irrompono malviventi, durante la rapina minacciano e tentano di colpire cassiera

  • Coronavirus: oggi 32 morti in Puglia e 397 nuovi casi in provincia di Foggia

  • Spaventoso incidente in via Castiglione: ragazza abbatte tubo del gas e si schianta contro una farmacia agricola

  • Addio al dott. Michele Urbano, la Capitanata piange la scomparsa di un professionista "serio e laborioso"

Torna su
FoggiaToday è in caricamento