menu camera rotate-device rotate-mobile facebook telegram twitter whatsapp apple googleplay
La lettera

La lettera

La 'lupara bianca' dietro la scomparsa di Armiento? La madre: "Ditemi dov'è, anche senza vita"

La madre del giovane è preparata al peggio. L'avvocato Fischetti, legale della famiglia: "negli ultimi anni sono stati registrati in città 7 omicidi e 4 casi di lupara bianca: sono dati che superano anche quelli della Sicilia"

Sembrano ridursi al lumicino le speranze di trovare vivo Francesco Armiento, il 29enne di Mattinata, sul Gargano, scomparso nel nulla lo scorso 27 giugno. Da allora il suo telefono è muto e di lui non vi è alcuna traccia. Accantonata ormai del tutto l’ipotesi di un allontanamento volontario, la pista che sembra prendere sempre più corpo è quella della “lupara bianca”.

La madre del giovane - parcheggiatore presso il Vallone di Mattinatella - è preparata al peggio. In una lettera scritta di suo pugno e idealmente indirizzata agli assassini del figlio, chiede almeno che le venga restituito il corpo: "Ditemi dove si trova anche senza vita, almeno questo me lo dovete”, si legge in un passaggio. “Non so perché lo avete fatto. I figli di nessuna madre si toccano”.

“Voglio anche che mi dovete dire se ha sofferto – scrive ancora la donna - ho bisogno di saperlo. Non siete padroni della vita umana di altri, ma solo della vostra. Non provo odio, non voglio vendetta, ma rendetevi conto di quello che avete fatto. Quando vi guarderete allo specchio vorrei che vedreste il viso di mio figlio”.

Seguita dal legale della famiglia, l’avvocato Pierpaolo Fischetti, la donna ha denunciato la scomparsa del figlio ripercorrendo i suoi ultimi, difficili, anni di vita. Il 6 gennaio 2009, infatti, Armiento fu testimone oculare dell'omicidio di Gianluigi Quitadamo, macellaio di Mattinata, ucciso a colpi di fucile sulla strada per Manfredonia. Il giovane era in auto con la vittima e scampò miracolosamente all’agguato.

Da allora, per il 29enne, seguirono anni di buio. “Nessuna pista viene tralasciata”, precisa il legale, evidenziando le difficoltà del territorio garganico in generale, e quello mattinatese in particolare, “dove negli ultimi anni sono stati registrati in città almeno 7 omicidi e 4 casi di lupara bianca: sono dati che superano anche quelli dei territori più caldi della Sicilia”, conclude. Intanto le ricerche proseguono serrate, coordinate da polizia e carabinieri.

Un dispositivo interforze sta battendo palmo a palmo il territorio garganico e 17 uomini dei vigili del fuoco – tra squadre TAS (Topografia Applicata al Soccorso), nucleo speleo-alpino-fluviale e sommozzatori – stanno effettuando ricognizioni nelle zone più impervie dell’agro di Mattinata spingendosi fin sotto la costa. Intanto, in mattinata, la polizia ha recuperato una pistola calibro 9, nascosta in un contatore dell’acqua in via Don Milani, sempre a Mattinata. Al momento non è possibile ricollegare il ritrovamento dell’arma con la scomparsa di Armiento. Indagini in corso.

Argomenti
Condividi
In Evidenza
Ultime di Oggi
Potrebbe interessarti
In primo piano
Torna su

Canali

FoggiaToday è in caricamento