Devi disattivare ad-block per riprodurre il video.
Play
Replay
Play Replay Pausa
Disattiva audio Disattiva audio Disattiva audio Attiva audio
Indietro di 10 secondi
Avanti di 10 secondi
Spot
Attiva schermo intero Disattiva schermo intero
Skip
Il video non può essere riprodotto: riprova più tardi.
Attendi solo un istante...
Forse potrebbe interessarti...

Infiltrazioni nelle aule, topi nei corridoi e siringhe nel cortile. Gli studenti del Perugini scioperano: "Vogliamo più igiene e sicurezza"

Gli studenti dell'istituto hanno manifestato per denunciare il grave stato di disagio in cui versa la struttura.

 

“Preside pensaci di più o la scuola cade giù”, il messaggio che campeggia su uno striscione affisso ai cancelli dell’istituto “Perugini” di Foggia, i cui studenti nella giornata di oggi hanno scioperato per denunciare le gravi condizioni di degrado in cui versa la struttura.

Problemi seri che vengono denunciati da tempo: dalle infiltrazioni che si aggravano a ogni temporale, costringendo studenti e docenti ad armarsi di secchi disseminati nei corridoi e all’interno delle aule: “Al cambio dell’ora si crea la calca e ogni volta si rischia di cadere”, denuncia una rappresentante di istituto, che evidenzia anche la presenza di muffa sui muri, causa di problemi di salute per molti studenti.

Ma i disagi non finiscono qui: “Il laboratorio di design del gioiello è da mesi senza luce”. E, dulcis in fundo, si segnala la presenza di topi in palestra, probabilmente provenienti dall’altra palestra adiacente, che tempo fa andò a fuoco, e piuttosto che essere abbattuta fu murata parzialmente: “Ora quella palestra è una discarica. Nel cortile abbiamo trovato di tutto, siringhe, profilattici usati, lamette, test di gravidanza”.

Lo sciopero di oggi segue le diverse segnalazioni: “Durante l’ultima assemblea d’istituto abbiamo redatto un verbale contenente tutte le problematiche evidenziate, che abbiamo consegnato al preside”. Ma intanto i risultati tardano ad arrivare: “Abbiamo già manifestato a Palazzo Dogana per segnalare lo stato di degrado in cui versano molti istituti scolastici di livello superiore – ha evidenziato Michele Cera del Movimento degli Studenti – e chiedere che gli enti proprietari si occupino della loro manutenzione. La risposta non può essere lavarsi le mani o elencare gli interventi già effettuati. Vogliamo risposte concrete, parliamo di situazioni di vero pericolo. Si parla tanto di sicurezza in questo Paese e in questa città, ma a quanto pare non c’è un grande interesse”.

Potrebbe Interessarti

Torna su
FoggiaToday è in caricamento