Autisti della Sita sul piede di guerra, in sciopero contro l’azienda: “Basta ricatti”

Quattro ore di sciopero contro l'azienda di trasporti in merito alle residenze provvisorie, all'imposizione senza controllo delle corse bis e all'esternalizzazione del servizio

Quattro ore di sciopero davanti alla sede di via Montegrappa: ieri mattina gli autisti della Sita Sud iscritti ai sindacati Faisa Cisal e Ugl Trasporti di Foggia, hanno manifestato contro l'azienda di trasporti, accusata di essersi sottratta al dialogo relativamente ad alcune problematiche sollevate dal personale dipendente, ma non ancora affrontate o risolte. “No residenze provvisorie, basta ricatti”, “Diritti più dignità è uguale rispetto”, “No esternalizzare, più sicurezza” sono gli slogan che hanno fatto da cornice a una protesta pacifica, dove in alcuni momenti hanno prevalso rabbia ed esasperazione. E sono volate parole grosse: da “vergogna” a “conigli”.

Allo sciopero e al sit-in avrebbero aderito anche rappresentanti e lavoratori appartenenti ad altre sigle sindacali; segno del malcontento, evidente, di chi - tra i dipendenti - non approva il trattamento sulle 'residenze provvisorie' che l'azienda riserverebbe soprattutto ai più giovani (due i casi avvenuti nei giorni scorsi), la mancanza di un equo trattamento economico delle trasferte; o di chi contesta le agevolazioni dal punto di vista economico e lavorativo che Sita Sud riserverebbe a parte del personale; o ancora l’imposizione senza nessun controllo delle corse “bis” e soprattutto l'esternalizzazione del servizio a Fini Viaggi e Metauro.

Infatti, sembrerebbe che i dipendenti delle due compagnie che subappaltano il servizio, non indossino la divisa ufficiale, non effettuino le visite mediche all'ispettorato del lavoro di Bari e ricoprano dei turni che non rientrano nel Contratto collettivo nazionale di lavoro, effettuando peraltro corse oltre l'orario consentito. Due incontri, il primo in azienda e l’altro in Prefettura, non sono serviti a ricucire lo strappo tra le parti. Ecco perchè ieri mattina, dalle 9.30 alle 12.30, gli autisti appartenenti alle due segreterie territoriali - di Giovanni Tancredi per la Faisa Cisal e Filippo Cavalli per l’Ugl Trasporti - hanno incrociato le braccia. Il muro contro muro continua.

Devi disattivare ad-block per riprodurre il video.
Play
Replay
Play Replay Pausa
Disattiva audio Disattiva audio Disattiva audio Attiva audio
Indietro di 10 secondi
Avanti di 10 secondi
Spot
Attiva schermo intero Disattiva schermo intero
Skip
Il video non può essere riprodotto: riprova più tardi.
Attendi solo un istante...
Forse potrebbe interessarti...

In Evidenza

Potrebbe interessarti

I più letti della settimana

  • Coronavirus, ordinanza di Emiliano sulle scuole: da lunedì sospese le lezioni in presenza per le ultime tre classi

  • Coronavirus, l'avanzata dei contagi preoccupa la Puglia: "Si deve uscire solo per lavorare, istruirsi o altre gravi necessità"

  • Ecco la bozza del nuovo Dpcm: bar e ristoranti chiusi alle 18. Stop a palestre e piscine

  • 423 contagiati a Foggia, Landella firma l'ordinanza: vie e piazze della movida "chiuse" dopo le 21 nel fine settimana

  • "Che ore sono?", poi scatta la violenza: in cinque aggrediscono ragazzo in centro. "Togli la mascherina quando parli con noi"

  • E' morto Dario Montagano: l'imprenditore sanseverese trovato senza vita in giardino

Torna su
Devi disattivare ad-block per riprodurre il video.
Play
Replay
Play Replay Pausa
Disattiva audio Disattiva audio Disattiva audio Attiva audio
Indietro di 10 secondi
Avanti di 10 secondi
Spot
Attiva schermo intero Disattiva schermo intero
Skip
Il video non può essere riprodotto: riprova più tardi.
Attendi solo un istante...
Forse potrebbe interessarti...
FoggiaToday è in caricamento