rotate-mobile
Giovedì, 30 Giugno 2022
Cronaca Cerignola

400 ambulanti incrociano le braccia contro il caro carburante, non si fa il mercato a Cerignola: "Ci fermiamo anche noi"

Non si svolge oggi mercoledì 23 febbraio il mercato settimanale di Cerignola. I motivi della protesta. Il commento di Girolamo Zaccaro (Goia Fenapi)

Anche i circa 400 ambulanti del mercato di Cerignola si sono uniti alla protesta dei colleghi autotrasportatori, degli agricoltori e degli allevatori, contro il caro carburante.

Infatti il consueto mercato settimanale del mercoledì della città ofantina, questa mattina non si svolgerà. Ha aperto regolarmente quello di San Marco in Lamis. “Anche noi ci spostiamo, sia quando andiamo a fare rifornimento della merce e sia quando dal lunedì al sabato ci rechiamo nei comuni per lavorare. Gli aumenti spropositati del gasolio si ripercuotono sul bilancio delle nostre attività e anche sui consumatori, perché siamo costretti ad aumentare i prezzi” spiega il presidente del Goia Fenapi di San Severo Girolamo Zaccaro a Foggiatoday, a nome anche del collega e presidente del Gruppo organizzativo imprese autonome di Cerignola, Rosario Cicciotti, sul posto con i segretari Luigi Intini e Savino Algerino.

Gli ambulanti hanno deciso di incrociare le braccia e di unirsi alla protesta delle altre categorie di lavoratori che da alcuni giorni hanno spento i motori, manifestando sulle Statali 16 e 17 e, ieri pomeriggio, lungo la A14 in più punti a Canosa, Andria, Cerignola e Foggia (guarda qui).

Sullo stesso argomento

In Evidenza

Potrebbe interessarti

400 ambulanti incrociano le braccia contro il caro carburante, non si fa il mercato a Cerignola: "Ci fermiamo anche noi"

FoggiaToday è in caricamento