Sciopero 14 novembre, Cgil: “Per il lavoro e la solidarietà, contro l’austerità"

Mercoledì 14 novembre sciopero generale della Cgil nel giorno della mobilitazione europea

Nota - Questo comunicato è stato pubblicato integralmente come contributo esterno. Questo contenuto non è pertanto un articolo prodotto dalla redazione di FoggiaToday

La Cgil ha proclamato per domani, mercoledì 14 novembre, uno sciopero di quattro ore (esteso a 8 per alcune categorie) in concomitanza con la giornata di mobilitazione europea indetta dalla CES, la Confederazione Europea dei Sindacati. Iniziative si terranno in 23 dei 27 paesi dell’Unione, in quattro di questi – Italia, Spagna, Portogallo e Grecia – sono stati indetti scioperi generali.

“Il tema della mobilitazione – spiega la Camera del Lavoro di Foggia – è per il lavoro e la solidarietà, contro l’austerità. Se guardiamo ai risultati sul fronte occupazionale, dello sviluppo e del benessere, le politiche messe in campo in questi anni in Europa e in Italia sono da considerare fallimentari. Le politiche di austerità non funzionano, le conseguenze sono devastanti sul piano sociale. Registriamo un generale impoverimento delle famiglie, la perdita di posti di lavoro, il taglio alle protezioni sociali. Non si investe sulla conoscenza, sulla ricerca, sull’innovazione. Si riducono i finanziamenti per gli enti locali. Si tassano solo redditi da lavoro e pensioni. Di fatto si sta rinunciando a investire al futuro, mentre non si toccano i grandi patrimoni e gli speculatori della finanza”.

La mobilitazione organizzata su scala territoriale vedrà a Foggia un presidio dei lavoratori dalle ore 9.30 presso la Prefettura; una delegazione della Camera del Lavoro ha chiesto al Prefetto un incontro nel corso del quale illustrare le ragioni della protesta e consegnare un documento con analisi di contesto e proposte per lo sviluppo e il lavoro.

Dalle ore 11 la protesta si sposterà all’isola pedonale di Corso Vittorio Emanuele, dove sarà allestito un gazebo per informare i cittadini sulle proposte della Cgil e dove prenderanno la parola lavoratori di aziende in crisi, dirigenti delle categorie e della Camera del Lavoro.

Torna su
FoggiaToday è in caricamento